• Baietti
  • Andreotti
  • Alemanno
  • Falco
  • Scorza
  • Barnaba
  • Valorzi
  • Liguori
  • Dalia
  • Santaniello
  • Boschetti
  • Quarta
  • Crepet
  • Rinaldi
  • Pasquino
  • Romano
  • Chelini
  • Romano
  • Cocchi
  • Bruzzone
  • Leone
  • Gnudi
  • Catizone
  • Coniglio
  • Tassone
  • di Geso
  • Bonetti
  • Buzzatti
  • Meoli
  • De Luca
  • Gelisio
  • Algeri
  • Califano
  • Quaglia
  • Cacciatore
  • Rossetto
  • Casciello
  • De Leo
  • Napolitani
  • Mazzone
  • Miraglia
  • Bonanni
  • Ward
  • Paleari
  • Carfagna
  • Grassotti

Appuntamento con “Inside Job” alla Facoltà di Economia di Roma Tre

11 Giugno 2011
.
19/06/2021

Nell’ambito della rassegna cinematografica organizzata dal Prof.

Pasquale Tridico con la Facoltà di Economia “Federico Caffè” dell’Università Roma Tre per riflettere sul tema della povertà e dello sviluppo del mondo, dopo la proiezione di “The end of Poverty?” di Philippe Diaz e del film-documentario su Adriano Olivetti ,

il prossimo ventuno Giugno toccherà a “Inside Job”, il film di Charles Ferguson e narrato da Matt Demon che affronta il tema della crisi finanziaria mondiale del 2008. Un lungometraggio accattivante poiché l’autore cerca e trova, secondo il suo punto di vista ovviamente , le cause che hanno portato al crack.

Ferguson si serve di grafici,documenti e interviste ai pezzi grossi della finanza americana per spiegarci che la crisi economica non è stata fisiologica ma era largamente preventivabile. Chi è stato dunque il colpevole? Le lobby finanziarie americane, i CEO delle più importanti aziende che facendo leva su un mercato deregolamentato hanno potuto speculare su tutto e senza limiti.

Inutili sono stati gli sforzi di intervistare i due ultimi capi della Federal Reserve, Alan Greenspan e Larry Summers. Probabilmente non volevano mettersi nella situazione di rispondere a domande fastidiose. Ma ce n’è anche per gli economisti accademici, corrotti per tacere.

In ogni caso la colpa più grande, questo si evince dal film, è da imputare al governo americano: spettava ad esso il compito di porre un freno alle speculazioni finanziarie. Dunque se sul banco degli imputati appaiono i Presidenti Reagan, Clinton, Bush padre e figlio anche Obama non è esente da colpe:

egli infatti non ha avuto la forza necessaria per imporre le proprie riforme perchè ostacolato dal potere di Wall Street. Una piccola curiosità: la traduzione e distribuzione del film, in Italia, inizialmente ha subito qualche rallentamento. Le verità di Ferguson sono scomode? Forse.

Sicuramente questo può essere un motivo in più per andarlo a vedere. Dopo questa proiezione la rassegna cinematografica dell’università si prenderà una pausa per le vacanze estive e poi si concluderà il prossimo ventisette Settembre con il film “Il Gioiellino” di Andrea Molaioli.

Pietro Marasco

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata