• Google+
  • Commenta
30 giugno 2011

Come superare la crisi? A Bologna dimezzate le facoltà

Il progetto del rettore dell’Università di Bologna Dionigi prende forma, anche se sarà definito solo dopo l’estate. A quanto pare, da 23 facoltà si passerà a 11 scuole, trasformazione voluta dalla riforma Gelmini. Questa prevede infatti che si creino al massimo 12 scuole, che però potranno continuare a essere chiamate “facoltà”.

Il principio su cui ci si è basati per i tagli è preservare l’identità delle facoltà che ci sono già, facendo quindi degli accorpamenti in maniera logica. E così Psicologia sarà unita a Scienze della Formazione; Ingegneria ad Architettura; le 3 Economie di Bologna, Forlì e Rimini si uniranno a Scienze Statistiche; Agraria e Medicina Veterinaria diventeranno un tutt’uno; a Farmacia probabilmente verranno accorpate Biotecniologie e Scienze biologiche; a Lettere Conservazione dei Beni Culturali; a Lingue la Scuola superiore di lingue moderne per interpreti e traduttori. Scienze politiche di Bologna e di Forlì si uniranno e si creerà una scuola con le Scienze rimaste escluse, come Matematica, Informatica, Fisica e Astronomia. Medicina e Giurisprudenza, infine, rimangono indipendenti, mentre si sta ancora discutendo sul destino di Scienze Motorie .

L’idea è stata presentata al Senato Accademico e in particolar modo ai presidi delle facoltà che in prima persona si troveranno a fronteggiare il cambiamento. Non tutti hanno reagito in maniera positiva; la preside di Psicologia Fiorella Giusberti, ad esempio, ha minacciato di dare le dimissioni a settembre se non dovesse essere mantenuta l’autonomia di Psicologia. E altre polemiche arrivano per il fatto che con questa riforma la Romagna non avrebbe più facoltà sue, pur mantenendo le sedi già esistenti.

Questa metamorfosi universitaria, inoltre, non riguarda solo le facoltà, ma anche i dipartimenti: anche questi verranno dimezzati e da una settantina diventeranno 33. Il processo diventerà definitivo a settembre, ma è già avviato: i due dipartimenti di Filologia Classica e di Italianistica, per esempio, sono stati infatti accorpati già a metà febbraio.

Eleonora Lena

Google+
© Riproduzione Riservata