>
  • di Geso
  • Meoli
  • Mazzone
  • Gelisio
  • Cocchi
  • Baietti
  • Carfagna
  • Liguori
  • Boschetti
  • Bruzzone
  • Buzzatti
  • Rossetto
  • Valorzi
  • Tassone
  • Barnaba
  • De Leo
  • Chelini
  • Grassotti
  • Ward
  • Algeri
  • Coniglio
  • Miraglia
  • Cacciatore
  • Quarta
  • De Luca
  • Ferrante
  • de Durante
  • Leone
  • Quaglia
  • Crepet
  • Catizone
  • Dalia
  • Gnudi
  • Califano
  • Casciello
  • Scorza
  • Pasquino
  • Santaniello
  • Alemanno
  • Paleari
  • Andreotti
  • Bonanni
  • Falco
  • Rinaldi
  • Romano
  • Bonetti
  • Romano
  • Antonucci
  • Napolitani

Nelle vasche del nuovo acquario di Roma nuoteranno i pesci robot realizzati dal campus Bio Medico

7 Luglio 2011
.
12/06/2024

Pesci-robot con sembianze identiche a quelle dei cugini naturali e che si muoveranno nell’acqua con altrettanta naturalezza.

Ci saranno anche loro a popolare “Mediterraneum”, il nuovo Acquario di Roma in costruzione nel quartiere EUR della capitale.

A realizzarli sarà l’Università Campus Bio-Medico di Roma, che oggi alle ore 15.00, presso il Museo Nazionale “Luigi Pigorini” di Roma, firmerà ufficialmente l’accordo-quadro con i costruttori e allestitori delle vasche della nuova attrazione della capitale.

“Un’equipe d’ingegneri del Campus Bio-Medico – ha spiegato il Prof. Eugenio Guglielmelli, Direttore del Laboratorio di Robotica Biomedica e Biomicrosistemi dell’Ateneo romano – realizzerà nei prossimi mesi quattro tipi di prototipi: una cernia, un’anguilla, una medusa e un pesce degli abissi marini”.

Ciascun esemplare sarà dotato di ‘intelligenza a bordo’, un sistema di sensori che gli permetterà di muoversi nell’ambiente marino in assoluta autonomia, riconoscendo fondali, distanze, ostacoli da evitare e altri pesci. Il corpo dei pesci-robot sarà snodato, per garantire la tipica andatura oscillante degli esemplari reali e permettergli di nuotare attraverso il movimento alternato della pinna caudale.

I pesci-robot possiederanno anche una ‘vescica natatoria artificiale’ per controllare e modificare la galleggiabilità e saranno in grado di spostare il baricentro e immergersi più in profondità o effettuare l’operazione inversa per riavvicinarsi alla superficie.

L’autonomia di questi prototipi bio-meccatronici, alimentati da batterie ricaricabili, sarà inizialmente di 5-6 ore, ma gli ingegneri stanno già puntando a un sistema di ricarica attraverso il movimento del pesce in acqua. Circuiti e processori saranno rivestiti da una specialesuperficie in lattice che conferirà ai pesci del mondo artificiale sembianze perfettamente naturali.

Il primo prototipo sarà consegnato al “Mediterraneum” a settembre. Entro Pasqua 2012 la vasca del nuovo Acquario della capitale si popolerà di diverse decine di pesci artificiali.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata