• Google+
  • Commenta
22 luglio 2011

Università di Udine: al via la terza edizione Della scuola estiva di fisica moderna

Studenti delle classi IV e V da tutta la penisola a Udine per una settimana
di lezioni, seminari e attività di laboratorio

Studenti delle classi IV e V delle scuole secondarie di 20 regioni italiane arriveranno a Udine per partecipare alla Scuola estiva nazionale di Fisica moderna, organizzata dal dipartimento di Fisica dell’università friulana. Lunedì 25 luglio alle 8.30 nell’aula M in via delle Scienze 208 a Udine si terrà l’inaugurazione della Scuola che proseguirà fino al 30 luglio con un inteso programma di lezioni, seminari e attività di laboratorio.

Porteranno i saluti il rettore dell’Ateneo di Udine Cristiana Compagno, l’assessore regionale all’Istruzione Roberto Molinaro, Raffaella Bombi, delegato per le Reti, i sistemi informatici, telematici e l’e-learning, Marisa Michelini, responsabile del progetto, Lorenzo Santi, coordinatore delle attività della Scuola, Josette Immé, coordinatore nazionale del Piano lauree scientifiche-Fisica, Hans-Jörg Jodl, responsabile di progetti sulla multimedialità nella didattica universitaria a livello europeo e titolare del più importante progetto di remotizzazione degli esperimenti di fisica.

La Scuola estiva nazionale di Fisica moderna, giunta alla terza edizione dopo le precedenti svoltesi nel 2007 e nel 2009, è organizzata dall’Università di Udine nell’ambito del Piano Lauree Scientifiche “Innovazione didattica in Fisica e Orientamento” (IDIFO3), in collaborazione con 18 Università italiane ed enti di ricerca. Si pone l’obiettivo di offrire agli studenti interessati un’introduzione ad argomenti di elettromagnetismo e fisica moderna, quali meccanica quantistica, fisica della materia e superconduttività, con alcuni significativi aspetti matematici.

«Grazie al Piano Lauree Scientifiche è stato possibile organizzare questa e molte altre valide iniziative in campo scientifico per i giovani – spiega Marisa Michelini -. Un sostegno importante al progetto della Scuola è venuto dal Ministero dell’Istruzione, università e ricerca e in particolare dalle Direzioni Generali dello studente». Un ringraziamento va «alle Università coinvolte, all’Istituto nazionale di fisica nucleare, all’Erdisu di Udine, alla Fondazione Crup e alla Scuola Superiore dell’Università di Udine per aver sostenuto l’iniziativa e aver permesso di ammettere alla Scuola 10 studenti in più, per un totale di 40 partecipanti». Hanno collaborato alla realizzazione anche «l’Ufficio Scolastico Regionale del Friuli Venezia Giulia e l’Università di Trieste. Un insostituibile aiuto è stato fornito dal Cird e dal Dipartimento di Chimica, fisica e ambiente dell’Ateneo. L’Unità di Ricerca in Didattica della Fisica sta lavorando da mesi per mettere a punto i materiali sperimentali, didattici e di valutazione delle proposte innovative basate sulle strategie di Inquiry learning e PEC».

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy