• Google+
  • Commenta
3 agosto 2011

A Castel Rechtental si è concluso l’Admission workshop alla Facoltà di Design e Arti

L’ultimo step per le selezioni dei nuovi studenti della facoltà di design e arti dell’Università di Bolzano, si è tenuto lo scorso week end nella particolare e suggestiva ambientazione di Castel Rechtental a Termno. Hanno partecipato a questo interessante ed importante workshop di tre giorni, ben 90 canditati selezionati tra i 154 che si erano prescritti alla facoltà bolzanina.

La prima scrematura era stata effettuata, nei giorni precedenti l’evento, sulla base dei video che ogni candidato aveva dovuto realizzare presentando se stesso ed un oggetto bi- o tridimensionale.

Al termine del workshop sono stati selezionati 60 studenti, che inizieranno il loro percorso di studi a settembre.

Dalla graduatoria emerge lampante che in Facoltà dominano le studentesse, difatti sono solo 22 gli uomini ammessi contro ben 38 esponenti del gentil sesso. Per quanto riguarda la provenienza in 12 sono altoatesini, 23 sono studenti provenienti dal resto d’Italia, e i restanti 25 provengono dall’estero con una netta predominanza di tedeschi affiancati da una ungherese ed una slovacca.

Il professor Antonino Benincasa, direttore del Corso di Laurea in Design ha spiegato che siamo molto contenti dell’alto livello dei candidati, non è stata una scelta facile, ma grazie al nostro sistema composto dalla selezione sulla base di un video e dai tre giorni di workshop, abbiamo la possibilità di trovare gli studenti giusti per la nostra Facoltà. Durante i colloqui individuali si è inoltre notato che il nuovo regolamento linguistico voluto dal presidente Bergmeister ha provocato un innalzamento del livello dei candidati. Questi hanno fatto una scelta più ponderata rispetto al passato decidendo di iscriversi al corso di laurea in Design della LUB. Il chiaro profilo del nuovo regolamento linguistico ha funzionato molto bene per la Facoltà di Design e Arti.

Per maggiori informazioni: http://www.unibz.it/en/public/university/default.html

Pietro Marzocca

Google+
© Riproduzione Riservata