• Google+
  • Commenta
4 agosto 2011

Bocconi, studente punito per scritte in bacheca contro i gay

Dopo aver identificato lo studente responsabile di più episodi di omofobia, grazie e soprattutto attraverso la visione dei nastri delle telecamere a circuito chiuso, il consiglio di facoltà ha deciso di sospendere per un anno intero l’artefice di scritte e insulti che tre mesi fa hanno ripetutamente colpito l’associazione “Best, Studenti Bocconi Equal Students”.

Gli episodi a cui si riferisce il provvedimento sono due: a Maggio un ragazzo dell’associazione era stato aggredito verbalmente e minacciato mentre cercava di evitare che strappassero i suoi manifesti.

Ma l’avvenimento più grave si è venuto a creare dopo un paio di settimane, quando alcuni poster del “Best” sono stati trovati imbrattati con scritte esaltanti all’olocausto: “i froci si curano a Zyklon b” e ” l’HIV la vostra punizione”.

La situazione non poteva passare inosservata da parte del consiglio di facoltà dell’Università Bocconi che duramente ha preso una decisione senza precedenti dettata dalle regole dell’Honor Code introdotto da circa un anno in via Sarfatti.

Le offese e le aggressioni omofobe non sono comportamenti che possono essere tollerati, per questo emblematica è stata la punizione riservata all’aggressore che, da oggi, non potrà dare esami per un anno intero ma ancora più rilevante sarà il peso della macchia indelebile che porterà nel suo curriculum per sempre.

Infatti c’è da sapere che tutte le disposizioni disciplinari sono registrate nella carriera scolastica di ogni studente per poi essere trascritti in “fogli di congedo” e in sede di determinazione del voto finale di laurea.

Gli studenti dell’associazione“Best, Studenti Bocconi Equal Students”, si dicono «soddisfatti delle misure prese da parte dell’Università Bocconi contro l’individuo in questione e si augurano che procedimenti come questo non debbano più ripetersi».

Che sia questo proprio un messaggio di speranza dopo la recente bocciatura della legge anti discriminazione alla Camera.

Maria Teresa Violi

Google+
© Riproduzione Riservata