• Google+
  • Commenta
23 agosto 2011

“Costruzione” e valutazione del capitale intellettuale

Il presente lavoro ha come obiettivo quello di riflettere su come le particolari caratteristiche qualitative della “costruzione” capitale intellettuale siano in grado di influenzare il processo di valutazione ecoomica dello stesso nonché le qualità del valore determinato.

Lo studio è basato su un caso aziendale (“Ankon”) ed è sviluppato adottando un approccio interventista.

I risultati conseguiti evidenziano una maggior rilevanza del processo di valutazione del capitale intellettuale rispetto al valore “per sé”.

Infatti, mentre il valore del capitale intellettuale sembra essere problematico in termini di attendibilità, comprensibilità, comparabilità e oggettività, il processo di valutazione rappresenta un’opportunità per visualizzare e comprendere il capitale intellettuale e l’impatto della sua performance su quella complessiva aziendale, cioè per focalizzare l’attenzione del management sulla dinamica di tale risorsa.

Tali risultati contribuiscono al dibattito critico sulla misurazione del capitale intellettuale e possono essere di interesse per gli studiosi interessati ad analizzare la dinamica del capitale intellettuale nonché a proporre nuovi modelli di valutazione o ad affinare quelli esistenti.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy