• Google+
  • Commenta
21 agosto 2011

Ecstasy: i suoi composti curano il tumore

Dall’ Università di Birmingham, Gran Bretagna, escono sulla rivista The Telegraph i risultati di uno studio durato sei anni sulla cura del tumore. Pare che gli ecstasy, le droghe usate dai giovani nei rave e discoteche, contengano l’MDMA, che potrebbe combattere leucemie, mielomi e linfomi.

Lo studio è stato coordinato dal professor John Gordon il quale ha dichiarato: << E’ un primo passo e i risultati mostrano un potenziale miglioramento nei trattamenti per i prossimi anni >>.

L’ecstasy è una droga artificiale molto pericolosa per l’essere umano, che ha effetti collaterali e deteriora l’organismo. L’obiettivo, dunque, degli studiosi è modificare la droga sintetica per togliervi le sostanze tossiche e i relativi effetti collaterali.

Lo studio richiede tempo, non è certo un invito all’autoassunzione di ecstasy in caso di tumore. Inoltre non si tratta della pillola che si trova nel mercato della droga, ma è un composto modificato che ha un effetto maggiore rispetto alla normale droga.

<< Lo studio è ancora all’inizio – specifica il dottor Gordonè troppo presto per parlare ma certamente il prodotto che stiamo preparando, sulla stessa base dell’Ecstasy, è molto meno aggressivo. Abbiamo già fatto alcuni test su cellule tumorali di leucemie, linfomi e mielomi e abbiamo visto che in alcuni casi siamo riusciti a neutralizzare anche il 100% di cellule malate >>.

L’autore dell ricerca, invece, David Grant, ha così dichiarato: << Anche se non voglio dare alla gente false speranze, i risultati di questa ricerca hanno la potenzialità di portare ad un miglioramento nei trattamenti negli anni a venire >>.

Danilo Ruberto

Google+
© Riproduzione Riservata