• Google+
  • Commenta
6 agosto 2011

Il Guerriero di Capestrano

Il Dipartimento di Studi Classici dall’Antico al Contemporaneo della Facoltà di Lettere, ha organizzato, per la XIII Settimana della Cultura, un convegno che ha trattato le tematiche connesse allo studio e alla valorizzazione del Guerriero di Capestrano, uno dei reperti più misteriosi e affascinanti che il passato ci abbia restituito.

Quano si entra nella sala dove è conservato,nel Museo Archeologico Nazionale d’Abruzzo a Chieti, si rimane affascinati dalla sua imponenza.

È una statua di oltre due metri, in piedi, addobbata soltanto da elementi bellici e da un’enorme copricapo a tesa larga.

Il Convegno, si è tenuto presso l’Auditorium del Rettorato e l’Aula A della Facoltà di Lettere e Filosofia.

Il Rettore Ud’A Franco Cuccurullo ha aperto la Gionata di Studio.

In seguito sono intervenuti studiosi del settore provenienti anche da altri atenei italiani, tra i quali il prof. Adriano La Regina e la prof.ssa Gilda Bartoloni, il Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici d’Abruzzo, dott. Fabrizio Magani, il Soprintendente per i Beni Archeologici dell’Abruzzo, dott. Andrea Pessina e i rappresentanti degli Enti locali di Chieti e Pescara.

L’iniziativa si inserisce nel quadro del Protocollo d’intesa in Materia di Beni ed Attività Culturali nel Territorio delle Province e dei Comuni di Chieti e Pescara, firmato lo scorso 14 settembre fra il nostro Dipartimento e i Comuni e le Province di Chieti

Lo afferma la prof.ssa Raffaella Papi, promotrice del Convegno.

Destinatari allievi del Dottorato di Ricerca in “Studi Umanistici” , allievi della Facoltà di Lettere (riconoscimento CFU), Architettura, Scienze della Formazione, allievi delle Scuole Secondarie.

Lucia Iorio

Google+
© Riproduzione Riservata