• Google+
  • Commenta
19 agosto 2011

Riforma Gelmini: La legge 240/2010

Settembre si avvicina, gli studenti si preparano per il nuovo anno accademico. Ma in seno al mondo universitario italiano vi è una novità : la legge 240/2010. Verranno accorpati i dipartimenti in base alle discipline, e ad essi saranno affidati nuovi poteri, tra cui la scelta dei docenti e la responsabilità in campo didattico.

In questa norma della Riforma Gelmini, vi saranno le valutazioni e i premi, presenti sempre nei dipartimenti, che oltre alla diretta chiamata dei propri docenti un organo competente valuterà ateneo, con erogazione di premi e penalità.

La valutazione dei dipartimenti sarà diversa dalle valutazioni delle facoltà (che si chiameranno scuole), dove è difficile accertare la qualità del “prodotto” , ovvero il laureato. In base a queste nuove valutazioni, vi saranno nuove risorse ; ad esempio la quota del Ffo, introdotta dall’ex Ministro dell’Economia Tommaso Padoa-Schioppa nella Finanziaria 2008 è aumentata del 10 per cento nello scorso anno e per il nuovo anno accademico si prevede un aumento del 13,5 per cento. Un sistema atto a scemare i voti di scambio e il sistema parentale italiano nelle facoltà.

Ma c’è chi pensa a una negatività di questo nuovo sistema, dove nel dipartimento potrà essere sacrifcata la complementarietà dei saperi, in un periodo storico in cui le conoscenze sono sempre più distaccate dalla società moderna connessa alla sua evoluzione.

Ad esempio, nel concreto, l’Università di Ragusa secondo la legge 240/2010 ha annunciato il reclutamento di docenti di arabo, tedesco, giapponese, cinese, inglese, francese e spagnolo per l’insegnamento delle lingue nella Facoltà di Lingue e Letterature straniere dell’Università di Catania con sede a Ragusa.

Il Rettore Antonino Recca in base alla convenzione con il Consorzio Universitario Ibleo e gli enti locali di Ragusa (sottoscritta nel giugno 2010) ha così commentato :

<< Finalmente gli studenti potranno disporre di docenti certi e, soprattutto, motivati a lavorare nella nostra Facoltà. Non possiamo, perciò, che essere soddisfatti nel vedere finalmente realizzati, dopo anni di difficoltà e sacrifici, i risultati di uno sforzo tenace, determinato e costante da parte di tutti coloro che ci hanno creduto, a partire da quella pattuglia di docenti che lo scorso anno scelse di lavorare affinché a Ragusa si realizzasse una Facoltà di Lingue e Letterature straniere degna di questo nome >>.

Danilo Ruberto

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy