• Google+
  • Commenta
2 agosto 2011

Un amico ti allunga la vita

Gli amici ti allungano la vita. È quanto emerge da un recente studio condotto dalla Brigham Young University.

Passera ore in compagnia e circondarsi di amici non solo fa bene ma aumenta del 50% la nostra speranza di vita. Con buona pace di chi ha scarse relazioni sociali e deve quindi accontentarsi di un’aspettativa di vita più breve.

Se poi consideriamo che la mancanza di amicizie è stata assimilata a fattori di rischio come il fumo e l’alimentazione scorretta il quadro si fa ancora più preoccupante.

«L’idea che la perdita di relazioni sociali sia un fattore di rischio di mortalità – commenta Julianne Holt-Lunstad, che ha coordinato la ricerca appena pubblicata su PLoS Medicinenon è ben riconosciuta dal pubblico e neppure dagli operatori sanitari».

I ricercatori hanno intrecciato 148 studi dai quali hanno ricavato importanti indicazioni sul rapporto mortalità-socializzazione, dati che sono stati poi verificati su un certo numero di persone, monitorate nel tempo (in media sette anni e mezzo).

L’obiettivo era quello di confrontare l’impatto dell’isolamento sociale sulla mortalità rispetto ad altri fattori di rischio ben più conosciuti. E la scoperta cui si è arrivati è quella che abbiamo descritto: la scarsa socialità non solo è due volte più pericoloso dell’obesità, ma addirittura equivale a fumare 15 sigarette al giorno o ad abusare di sostanze alcoliche ed è più dannosa della mancanza di esercizio fisico.

Ci sono molti modi attraverso i quali amici o familiari possono influenzare positivamente la salute: dall’effetto tranquillizzante di un contatto fisico vero e proprio fino alla scoperta di nuovi significati capaci di orientare la nostra esistenza.

La morale apparirà scontata ai più. E ce ne rallegriamo.

D’altronde non servono certo studi o ricerche antropologiche per accorgersi di come le persone che ci sono vicine possano rendere migliore la nostra vita, colorandola ogni volta di sfumature diverse ed imprevedibili.

Spesso non ci facciamo caso, ma se appena ci fermiamo a riflettere e facciamo silenzio intorno a noi, allora diventa finalmente chiaro come ci siano figure irrinunciabili, che hanno lasciato e continuano a lasciare, giorno per giorno, un’impronta profonda sul nostro cuore.

Persone che credono in noi, colle quali possiamo scambiare gioie e dolori, speranze e delusioni, sempre liberi di separarci, senza mai separarci per davvero.

Matteo Napoli

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy