• Google+
  • Commenta
30 settembre 2011

1° ottobre di mobilitazione per le realtà studentesche dell’UdU e delle Rete degli Studenti medi nelle Marche

Le Liste di rappresentanza studentesca maggiormente rappresentative delle Marche, “Gulliver – Sinistra Universitaria UdU Ancona”, “Agorà – UdU Urbino”, “Officina Universitaria Macerata” e “Rete degli Studenti Medi – Marche”, lanciano le piattaforme nazionali “L’Università che vogliamo” e “La Scuola che vogliamo”.
Come accadrà in oltre venti città italiane, nella giornata di sabato 1 ottobre 2011 presenteremo la nostra idea di Scuola e di Università.

Un’idea che nasce da chi vive quotidianamente il mondo della formazione e da chi non accetta o non ha mai accettato l’idea di Università e Scuola del Ministro Gelmini e del Governo Berlusconi.

Dal lontano 2008 gli studenti e tutto il mondo accademico sono in piazza per dire NO alle varie “riforme” di questo governo. Oltre a contrastare i continui attacchi alla scuola e all’università pubblica, abbiamo sempre denunciato la necessità di una riforma vera e propria del sistema scolastico ed universitario italiano. Una riforma che tagli gli sprechi, che cancelli realmente i poteri baronali e le lobbies, che incentivi concretamente il diritto allo studio e che miri a creare una Scuola ed un’Università libere, democratiche e di qualità. Ora è arrivato il momento di dire la nostra!

Per questo motivo sabato saremo in piazza del Plebiscito ad Ancona per distribuire il testo de “La Scuola che vogliamo” e de “L’Università che vogliamo”.
In qusta occasione stenderemo anche un lenzuolo di oltre 100m^2 lungo la piazza e su questo chiunque potrà scrivere una frase, una parola o quello che ritiene possa rappresentare la sua idea di Scuola e di Università!

Il ritrovo è fissato alle ore 16.00 in P.zza del Plebiscito (davanti al Raval) e l’iniziativa si terrà prima dell’inizio del 1° Raduno Regionale dei NON+ Marche, al quale tutti i soggetti firmatari del comunicato parteciperanno.

Visti inoltre i drammatici dati relativi alla copertura delle borse di studio e tenuto conto della scarsità del finanziamento statale per l’anno corrente, non possiamo lasciare in secondo piano il tema del Diritto allo Studio e della condizione studentesca nella nostra Regione. Stiamo quindi lavorando alla stesura di un documento contente la nostra idea di cosa significhi essere studenti universitari e di quali servizi debbano essere garantiti al fine di realizzare in maniera concreta delle politiche di welfare studentesco nella Regione Marche.

Il prossimo appuntamento è fissato per il 3 ottobre, data in cui ci incontreremo ad Ancona per continuare la preparazione del documento che porteremo all’attenzione di tutti gli attori politici regionali entro la fine del mese di ottobre.

Google+
© Riproduzione Riservata