• Google+
  • Commenta
15 settembre 2011

Il cartone “SpongeBob SquarePants” danneggia i bambini

Secondo una ricerca americana condotta da studiosi dell’ Università del Virginia, il cartone animato “SpongeBob SquarePants”, farebbe male ai bambini provocando una serie di disturbi quali: distonie, rallentamento dei riflessi e delle reazioni corporee.

La ricerca è stata condotta su un campione di 60 ragazzini. Il gruppo comprendeva ragazzini che avevano guardato il cartoon per almeno nove minuti e altri che, invece si erano dedicati ad attività diverse.

Gli scienziati hanno notato che i piccoli che avevano visto il cartoon in questione, tendevano a rispondere a domande richiedenti uno sforzo di concentrazione e di attenzione, in modo disarticolato, lento e addirittura, in alcuni casi, scorrettamente e comunque, registravano prestazioni profondamente diverse, al di sotto della media, rispetto ai loro coetanei che invece non avevano visto Spongebob ma, guardato cartoni animati diversi o avevano colorato dei disegni.

Gli esperti hanno lasciato intendere che dovranno essere messi a punto ancora esprimenti più accurati sia per confermare i risultati che per comprendere le cause del fenomeno e degli eventuali danni provocati nei bambini.

Qualche ipotesi tuttavia è sta avanzata. I deficit riscontrati sarebbero da imputare alla sequenza troppo rapida delle immagini. C i sarebbero infatti cambi di immagini ogni 11 secondi e ciò indurrebbe i fanciulli a stare troppo attaccati allo schermo e quindi produrrebbe un maggiore sforzo non solo della retina ma, anche delle parti del cervello preposte alla concentrazione e allo sviluppo di capacità cognitive alte.

Il consiglio per il momento dato dai ricercatori, in attesa di verifiche più approfondite, è quello di controllare da parte dei genitori quanto tempo i figli passano davanti alla tv e controllare sopratutto quali programmi guardano.

Vincenzo Amone

Google+
© Riproduzione Riservata