• Google+
  • Commenta
25 settembre 2011

La competenza sociale

Come si forma la percezione di se stessi e quella degli altri? La nostra identità è frutto della relazione costante con gli altri individui e con le cose del mondo. Il processo mentale che ci permette di acquisire le cosiddette competenze sociali inizia in concomitanza con la nascita delle emozioni sociali di cui abbiamo trattato nello scorso articolo. Anzi, si potrebbe affermare che le due cose sono in stretta dipendenza fra loro, ed il loro sviluppo sfocia nella gestione adulta di tutti quei comportamenti con i quali affrontiamo l’intera vita nel rapporto con gli altri individui, siano essi conosciuti o sconosciuti.

Vivere nella società, ossia in dinamiche relazionali di alleanza, è difficile, perché, in qualche modo, implica l’aver avuto la possibilità, durante l’infanzia e l’adolescenza, di capire che tutte le persone provano in misura diversa le mie stesse emozioni, con gli stessi stati interni, pensieri ed intenzioni, scopi e norme di valori condivisi.

Ecco perché il requisito fondamentale per il nostro inserimento nella società è la comprensione di se stessi, intimamente congiunta alla comprensione degli altri, anche se in questo legame ci percepiamo individui relativamente autonomi e reciprocamente distinti. Si tratta di un raffinatissimo gioco cognitivo, tra la percezione di quello che credo di essere io, con le mie emozioni e i miei sentimenti, e quello che penso siano gli altri, con le loro emozioni e sentimenti, simili ai miei anche se con qualche particolarità che li rende distinti dai miei.

Quello che mi interessa fare notare qui, è che la ricerca psicologica non ha ancora scoperto se in questo dinamismo compare prima la percezione di se stessi oppure quella degli altri. In sostanza, non sappiamo se si sviluppa in noi prima la conoscenza di se stessi, oppure quella altrui, anche se siamo certi che quando il bambino comincia a comprendere che esiste una differenza fra se stesso e gli altri siamo di fronte al suo proto-ingresso nel mondo sociale.

In linea generale, il periodo in cui si verifica la nascita di questa conoscenza, che appunto andrà declinandosi per tutto il resto della vita, assumendo anche caratteristiche evolutive tipiche dell’ambiente nel quale si vivrà, è situabile intorno al terzo anno di età, quando, ad esempio, la figura del padre acquisisce un ruolo fondamentale nello sviluppo del bambino. Ma avremo occasione di parlare più diffusamente di questo tema, ossia della paternità, perché spesso viene confusa con una mera partecipazione ludica alla vita infantile, quando la dimensione educativa è ben altra cosa che il semplice, seppure importantissimo, gioco.

Dunque, dal terzo anno in poi ogni individuo, in qualsiasi società umana, comincia a prendere coscienza di quello che prova e sente personalmente, come separato eppure simile a quello che provano e sentono gli altri. Le due cose, allo stato attuale della ricerca, sembrano svilupparsi parallelamente e non siamo in grado di sapere se nasca prima l’una o l’altra.

Dal mio punto di vista, di antropologo della mente, penso che la funzionalità mentale, essendo sostanzialmente relazionale (interna, con gli aspetti cosiddetti propiocettivi) ed esterna (con gli aspetti esterocettivi), legata alla percezione della propria identità non possa che essere intimamente legata alla percezione che si ha dell’identità altrui. Anzi, cambiando decisamente l’ottica dell’Oracolo di Delfi, piuttosto che un “conosci te stesso”, dovremmo forse dire “conosci gli altri e conoscerai te stesso”.

Alessandro Bertirotti

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy