• Google+
  • Commenta
1 settembre 2011

L’Unime e gli scavi archeologici di Sofiana

Il sindaco di Mazzarino (CL) Vincenzo D’Asaro, ha accolto gli archeologi della spedizione internazionale organizzata dalle Università di Messina, Cambridge, Siena, e Filadelfia con un obiettivo: analizzare il sito romano di Philosophiana e farlo ritornare alla sua luce. Un sogno che può diventare realtà considerato che l’area archeologica, legata alla Villa Romana del Casale, dista da quest’ultima 4 chilometri.

Il Team di progetto è costituito dai responsabili scientifici Professor Gioacchino Francesco La Torre (Università di Messina) e Professoressa Kimberly Bowes (già Cornell University, dal 2010 Pennsylvania University, Philadelphia – USA), dai responsabili operativi Dottor Emanuele Vaccaro (Cambridge University – UK) e Dottoressassa Mariaelena Ghisleni (Università di Siena) e da studenti e collaboratori delle Università di Messina, Grosseto, Cambridge e Pennsylvania con la collaborazione della Sovrintendenza ai Beni Culturali di Caltanissetta.

E’ la terza spedizione organizzata a Mazzarino: il prof. Emanuele Vaccaro ha dichiarato che “Sofiana” è una delle più ricche del Mediterraneo e la sua lunga storia occupazionale che decorre dall’Età del Bronzo fino al XIII secolo d.C., le sue complesse funzioni (mercato, stazione di sosta lungo la viabilità, luogo per la riscossione delle tasse, abitato) la rendono fondamentale non solo per lo studio della Sicilia romana, ma anche per le tematiche più generali riguardanti il controllo del territorio, l’economia latifondistica e le reti commerciali”.

Il sindaco di Mazzarino Vincenzo D’Asaro, riguardo ai problemi finanziari per riportare alla luce Sofiana, afferma: “Stiamo cercando degli sponsor, anche stranieri. Sofiana rappresenta il futuro di questo territorio ed abbiamo un vantaggio non indifferente: la vicinanza alla Villa Romana del Casale. Sono convinto che riusciremo a realizzare questo sogno, riportare alla luce Sofiana”.

Un progetto complessivo credibile e finanziabile lo presenteranno i responsabili della spedizione al termine di questa loro terza esperienza a Mazzarino e da li inizierà il contatto con gli imprenditori privati.

Gli scavi portati a termine per riportare alla luce “Sofiana”, hanno interessato la parte centrale dell’abitato. È stato riportato alla luce uno stabilimento termale la cui datazione è collocata tra il I e il IV sec. d.C., periodo in cui sorse un agglomerato urbano abitato fino all’epoca di Federico. Sono stati trovati, inoltre, negli strati più profondi frammenti di vasi di epoca castellucciana, risalenti cioè a quella fase culturale che caratterizzò maggiormente l’età del bronzo in Sicilia.

Il sito, allo stato attuale delle ricerche, si articola principalmente in tre parti che, tra l’altro, appartengono a tre epoche diverse: la zona della domus che, nella datazione e negli studi condotti in particolare da La Torre, risale all’epoca protomperiale, risulta costituita dai resti di una abitazione signorile, da alcune botteghe ed un thermopolium (osteria) e dal tracciato di due strade, di cui una in ottimo stato di conservazione per un breve tratto. La zona delle terme che risale alla stessa epoca in cui venne costruita la Villa Romana del Casale e dove in epoche successive vennero realizzate strutture con diversa funzione. La zona della basilica, su una collina distante poche centinaia di metri dal confine sud dell’impianto della città e ad essa esterna, che sorge tra l’altro in una zona adibita a cimitero.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy