• Google+
  • Commenta
9 settembre 2011

Roccella a Minardo “Caduta di stile che non gli si addice”

L’università di Catania a causa di tagli di fondi, prese tempo fa la decisione di chiudere la sede distaccata di Ragusa dove erano presenti Le facoltà di Agraria e giurisprudenza. una decisione con effetto immediato, che avrebbe causato disagi agli studenti iscritti a Ragusa in quanto non potevano aver la possibilità di chiudere il ciclo di studi nella città ,ma dovevano spostarsi a Catania. il rettore tuttavia dopo le proteste, e a seguito della richiesta espressa dagli studenti di bloccare la decisione, durante un incontro si assunse la responsabilità di rinviare la decisione di chiusura e di garantire ai ragazzi di poter laurearsi nella sede ragusana.

nino minardo qualche giorno fa è ritornato sulla vicenda accusando il rettore, di non aver mantenuto la parola data, poichè a detta del deputato siciliano con l’apertura dle nuovo hannoa ccademicola sed edistaccata sarà chiusa deifnitviamente. Minardo ha inoltre tirato in ballo anche il sindaco di Ragusa sostenendo che il primo cittadino si sarebbe completamente disinteressato della vicenda. non lesinando critiche neppure al consiglio di amministrazione dell’ateneo etneo.

pronta la risposta di Roccella componente del Consiglio di amministrazione del Consorzio universitario ibleo che si dichiara rammaricato e sorpreso considerando l’ accaduto come una caduta di stile del onorevole Minardo”Ho una grande stima per l’on. Nino Minardo, avendo avuto l’opportunità di condividere con lui, quand’ero presidente della Camera di commercio, alcune fasi di amministrazione istituzionale, nella qualità di componente del comitato esecutivo Aapit presieduto dallo stesso Minardo ecco perché- ha continuato Roccella- con sorpresa e con altrettanta amarezza, ho registrato quella che non esito a definire una caduta di stile, da parte dell’on. Minardo, che non gli riconosco come politico e come presidente”

Roccella si dichiara anche sorpreso per le parole usate contro il sindaco di Ragusa, che a suo dire si è sempre speso per il consorzio universitario garantendo sempre attenzione e forte impegno

Secondo Roccella si devono inoltre evitare strumentalizzazioni politiche sulla pelle dell’università che è un istituto che deve restare fuori da questioni politiche .” l’ università guarda al territorio ed è realtà diversa da quella che può essere l’attività dei partiti” ha detto Roccella . La campagna elettorale, lo ricordo a tutti e anche a me stesso, non si fa con l’Università” incalza il presidente.

Roccella ha difeso inoltre l’operato del consorzio e dell’amministrazione comunale, mettendo in evidenza che quanto detto da Minardo è inesatto. Difatti, gli impegni finanziari della giunta comunale rimangono immutati e anche quest’anno, sostiene il membro del Cda. L’istituzione ragusana garantirà il mantenimento dei locali che ospitano la sede distaccata e quindi lascia intendere Roccella, che non ci sarà nessuna chiusura.

Roccellla anzi si dice convinto che Ragusa possa diventare un centro di attrazione per il territorio locale e che grazie alla presenza delle sedi universitarie potrà divenire area di forte sviluppo.

Al di là di una polemica, che forse appare sterile, perché invece di litigare ci si dovrebbe impegnare tutti a risolvere la questione della sede, i ragazzi restano ancora senza risposta.

Vincenzo Amone

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy