• Google+
  • Commenta
28 settembre 2011

Torino: gli studenti occupano il Senato Accademico portando galline

Si riaccendono le proteste nell’ambiente universitario italiano.

Un gruppo di studenti e ricercatori dell’ateneo di Torino si è reso protagonista, infatti, lo scorso 27 settembre, di una singolare e originale forma di protesta. Hanno occupato la sede del senato accademico in cui si stava discutendo il nuovo statuto portando con sé delle galline ed esibendo uno striscione in cui si leggeva: “I baroni covano”. Il rettore Elio Pelizzetti è stato costretto a sospendere temporaneamente i lavori. Il documento era già stato approvato nel CDA e doveva essere ratificato dal senato in giornata.

I promotori dell’azione dimostrativa dunque momentaneamente sono riusciti nel loro intento, poiché erano animati dalla volontà di bloccare l’approvazione del nuovo regolamento di ateneo, oggetto di aspre critiche in quanto giudicato antidemocratico e poco attento alle esigenze didattiche e degli studenti. In particolare al centro delle critiche la creazione di nuovi dipartimenti che tagliano fuori dall’attività accademica molti ricercatori.

Qualcuno ricorderà le oche del Campidoglio in epoca romana, ma in tempi di crisi forse i pennuti palmati sono troppo costosi, sono più convenienti le galline: costano poco, producono molto e non fanno tante domande. Un pò come vorrebbero che diventassimo noi studenti coloro che decidono sulla nostra pelle.

Vincenzo Amone

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy