• Gnudi
  • di Geso
  • Crepet
  • Ward
  • Buzzatti
  • Mazzone
  • Boschetti
  • Chelini
  • Catizone
  • De Leo
  • Bonetti
  • Falco
  • Grassotti
  • Carfagna
  • Rossetto
  • Dalia
  • Scorza
  • Miraglia
  • Baietti
  • Tassone
  • Cacciatore
  • Leone
  • Andreotti
  • Barnaba
  • Quarta
  • Casciello
  • Bonanni
  • Romano
  • Romano
  • Valorzi
  • Santaniello
  • Algeri
  • Napolitani
  • Califano
  • Ferrante
  • Meoli
  • Bruzzone
  • Alemanno
  • Pasquino
  • De Luca
  • Gelisio
  • Coniglio
  • Cocchi
  • Quaglia
  • Liguori
  • Paleari
  • Rinaldi

UniSa: al primo posto nella graduatoria finale di StartCup Campania 2011

30 Settembre 2011
.
23/09/2021

Nell'Aula Magna dell'Università Federico II si è svolta la premiazione dei vincitori di StartCup Campania 2011, premio per l'Innovazione promosso dalle Università campane e finalizzato a mettere in gara gruppi di persone che elaborano idee imprenditoriali basate sulla ricerca e l'innovazione.



StartCup è una vera e propria business plan competition il cui obiettivo è quello di sostenere la ricerca e l’innovazione tecnologica finalizzata allo sviluppo economico e alla nascita di imprese ad alto contenuto di conoscenza. La gara si inserisce nel contesto del Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), una competizione analoga organizzata a livello nazionale da diverse università italiane, alla quale prendono parte i vincitori delle edizioni locali. Delle 98 proposte iniziali, 40 erano state ammesse a presentare il loro Business Plan e 12 di esse (4 proposte dall’Università di Salerno) sono state selezionate dalla Commissione. Le prime cinque classificate parteciperanno al Premio Nazionale Innovazione 2011.

Al primo posto (premio di 5000 euro) si è classificato il progetto NYBORG MAT sulla produzione di nanoadditivi ibridi organici-inorganici per lubrificanti (Università di Salerno – Centro NANO_MATES). I proponenti di NYBORG MAT sono Claudia Altavilla, assegnista NANO_MATES, Rosangela Feola, borsista post doc presso la facoltà di Economia, Maria Sarno, ricercatore presso il Dipartimento di Ingegneria industriale e Centro NANO_MATES, Roberto Parente, professore associato presso il Dipartimento di Studi e ricerche aziendali, Paolo Ciambelli, professore ordinario presso il Dipartimento di Ingegneria industriale e Centro NANO_MATES.

Le altre proposte finaliste dell’Università di Salerno sono ‘Nuovi materiali con fibre RPET’(responsabile Ferdinando Fraternali), ‘FLU-TEC – Tecnologia e Analisi di Fluttuazioni’ (responsabile Carlo Baroni), e NCLAB (responsabile Adolfo Santoro).

Ulteriori informazioni all’indirizzo: http://www3.unisa.it/news/index/idStructure/1/id/4067

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata