• Napolitani
  • Califano
  • Alemanno
  • Santaniello
  • Liguori
  • Miraglia
  • Gelisio
  • Falco
  • Valorzi
  • Romano
  • Baietti
  • Andreotti
  • Catizone
  • Bruzzone
  • Dalia
  • Meoli
  • Casciello
  • Ward
  • Quaglia
  • di Geso
  • Gnudi
  • De Leo
  • De Luca
  • Tassone
  • Coniglio
  • Cacciatore
  • Bonetti
  • Rinaldi
  • Buzzatti
  • Rossetto
  • Cocchi
  • Ferrante
  • Scorza
  • Algeri
  • Crepet
  • Pasquino
  • Boschetti
  • Barnaba
  • Bonanni
  • Romano
  • Carfagna
  • Quarta
  • Mazzone
  • Grassotti
  • Leone
  • Chelini
  • Paleari

Uniud: comunicazione digitale nelle aziende

21 Settembre 2011
.
29/07/2021

Facebook, Twitter, blog… quanto pesano queste parole in azienda? Il mondo imprenditoriale sa sfruttare davvero il potenziale di queste nuove leve della comunicazione, oppure anche chi sta cominciando a investire li considera strumenti “usa e getta”? A queste domande si è voluto dare risposta ieri, martedì 20 settembre, nel corso della tavola rotonda organizzata nell’ambito della Social Media Week di Milano, che ha presentato a una platea di oltre 120 persone i risultati del lavoro di due realtà d’eccellenza del Friuli Venezia Giulia: il Laboratorio di ricerca economica e manageriale (Larem) dell’Università di Udine e Illycaffè.

I dati ottenuti grazie a un’indagine condotta su oltre 100 imprese italiane di diversi settori merceologici sono stati discussi da Luca Brusati, coordinatore scientifico del Larem dell’Università di Udine, con Brooke Hovey, vicepresidente responsabile per i media digitali della multinazionale Cohn & Wolfe, Elena Silva, managing director della filiale italiana della stessa impresa ed Enrico Finzi, presidente di AstraRicerche. Anna Adriani, global PR director, e Amy Harp, responsabile per i media digitali di Illycaffè, hanno presentato quindi la pluriennale esperienza dell’azienda triestina, che alla comunicazione online dedica un team specializzato di quattro persone.

«La ricerca svolta dal Larem – spiega Luca Brusati – evidenzia che le aziende italiane stanno appena iniziando a considerare la presenza digitale come un investimento da sostenere in modo continuativo, al quale dedicare, dunque, risorse umane e finanziarie coordinate in modo adeguato con le altre funzioni aziendali».

Due terzi dei rispondenti (65%) segnalano che l’investimento nei media digitali “pesa” meno di un decimo del budget dedicato alla comunicazione. «Se il sito web è ormai imprescindibile (97% del campione) – dice Brusati -, solo il 22% delle aziende è attivo nel commercio elettronico. Facebook (60%) e YouTube (60%) sono le piattaforme più usate, seguite da Twitter (38%) e Flickr (18%), mentre Foursquare non sembra finora aver fatto breccia (8%); il 35% ha attivato un blog». Interessante anche il dato sui budget: «quando non dipendono dai massimi vertici aziendali (47% dei casi) – conclude Brusati -, essi sono definiti dalla funzione marketing (39%), seguita a distanza dalla funzione relazioni esterne / ufficio stampa (9%)».

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata