• Google+
  • Commenta
23 ottobre 2011

All’Università salentina le quattro ruote rispettano l’ambiente

Pensate al fascino delle quattro ruote, alla legiadria con la quale le auto da competizione affrontano le curve, al suono dei motori. Pensate a questa meraviglia e a quanto sarebbe bello se non avesse alcuna drastica ricaduta sulla purezza dell’ambiente. La ricerca sta seguendo questa strada, e le auto elettriche o alimentate ad idrogeno sono sempre più innovative.

L’Università del Salento ha deciso di investire nello sviluppo di queste vetture. I ricercatori del Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione hanno presentato sabato mattina, in rettorato, gli studi affrontati e i risultati da loro raggiunti nel settore automobilistico. Si tratta di conquiste che verranno messe in mostra durante il primo “Mediterranea Show Motors”, che si terrà a Bari dal 29 ottobre al 6 novembre. In questa occasione saranno presentati ibridi e prototipi sviluppati dai ricercatori del “Salento Eco Team”.

Fra queste innovative vetture c’è “Carla 2012”, un’auto ad alimentazione elettrica capace di percorrere, grazie alla propria batteria interna che si può caricare attraverso la normale rete elettrica, centinaia di chilometri.

Inoltre a Bari verrà presentata la “SRT11”, una monoposto realizzata in carbonio, a ruote scoperte ed alimentata da un motore a quattro cilindri della Honda. La monoposto “SRT11” gareggerà ad agosto su circuiti austriaci e tedeschi.

L’Università salentina si dimostra all’avanguardia riguardo all’innovazione automobilistica. La speranza è che il loro lavoro serva come monito alle imprese e le spinga ad investire sulla ricerca legata a un settore che, nel nostro Paese, è sempre stato gestito con quella classe e fantasia che hanno reso le nostre auto le più belle del mondo.

A questo link il video del prototipo SRT11

Google+
© Riproduzione Riservata