• Google+
  • Commenta
8 ottobre 2011

Ccrua: Rita Tranquilli-Leali è il nuovo presidente

Nella mattinata del 6 ottobre scorso, presso il rettorato dell’Università d’Annunzio di Chieti-Pescara, si è tenuta la riunione del Ccrua (Comitato di Coordinamento Regionale delle Università Abruzzesi) che con la presenza del presidente della Regione, Gianni Chiodi e dei rettori dell’ Università di Chieti-Pescara, Franco Cuccurullo e dell’Università dell’Aquila, Maria Grazia Cifone, si è provveduto all’elezione del nuovo Presidente per il prossimo triennio 2011-2014.

All’unanimità è stata eletta Rita Tranquilli-Leali, rettore dell’Università di Teramo.

Il presidente Chiodi esprime la sua soddisfazione definendo questo momento “molto importante in quanto come Regione vogliamo riaffermare la grande considerazione per il sistema di istruzione universitario che assume sempre più importanza in un contesto mondiale dove le competenze fortunatamente assumeranno un ruolo sempre più rilevante. Per questo – continua Chiodinoi dobbiamo competere anche sotto questo punto di vista, in un nuovo scenario che va seguito e sostenuto sempre più, nell’ambito della reciproca sfera di influenza, ma riconoscendo sempre grande importanza all’autonomia universitaria. Io credo che la stessa comunità abruzzese non possa che essere al fianco del mondo dell’istruzione universitaria, e ancor di più in momenti così difficili, visto il contesto di crisi attuale. Ma come in tutte le crisi, ci sono però anche opportunità da saper cogliere, e noi dobbiamo essere bravi a lavorare su queste ultime. Ho già visto che in determinati contesti si sono create situazioni straordinarie che ci hanno permesso di mettere in atto riforme che mai erano state fatte e che si pensava non si potessero mai attuare. Per questo oggi io credo dobbiamo noi tutti essere bravi a cogliere questa occasione di riflessione per rafforzare le nostre reciproche collaborazioni. La Regione a tal proposito intende attraverso i Fondi Fas sostenere in maniera ancora più forte il sistema universitario abruzzese, ed è per questo che -conclude- sottoporrò alcune mie idee al Patto per lo Sviluppo”.

Il pensiero del presidente uscente Franco Cuccurullo non si fa attendere e sottolinea l’importanza della sinergia fra Regione e Università: “Credo che il sistema abruzzese abbia retto e bene alla crisi, e questo deriva anche dal fatto che il rapporto fra i tre atenei abruzzesi è sempre stato incentrato alla massima cordialità. Rapporti di collaborazione e di amicizia che hanno permesso di raggiungere risultati significativi. Separati, ma allo stesso tempo uniti. E’ vero -spiega Cuccurulloche questo è un momento di recessione, ma devo dire che il rapporto con la Regione e con il presidente Chiodi, e il taglio che ha voluto e saputo dare il presidente Chiodi è stato importante e direi quasi inaspettato in un momento come questo, perché la Regione Abruzzo ha investito molto, e molte risorse per l’università abruzzese. Sono stati molteplici i progetti di ricerca realizzati insieme, per cui non posso che esprimere un plauso per come in questi ultimi tre anni di mia presidenza al Ccrua, sia stato gestito il rapporto di collaborazione fra le nostre università e la Regione”.

Numerosi consensi in merito alla nomina della Tranquilli-Leali arrivano anche dalla regione. Il presidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo, Nazario Pagano, ha infatti inviato le sue congratulazioni al nuovo presidente della Ccrua “Sono certo – scrive Pagano nel suo messaggio –che l’organismo saprà trarre grande beneficio dalla sua esperienza e dal senso di equilibrio che ha sempre contraddistinto la sua attività di docente e Rettore dell’Università degli Studi di Teramo. Come è stato sottolineato dal Presidente della Giunta regionale, Gianni Chiodi, oggi è necessario razionalizzare la spesa pubblica, strada che egli ha intrapreso nel campo della sanità locale e dell’organizzazione degli enti regionali, con l’obiettivo precipuo di migliorare i servizi ai cittadini e rilanciare la crescita economica del territorio. Anche nel campo dell’organizzazione del “sapere e della formazione” è necessario dunque accelerare il processo di aggregazione istituzionale, utile alla nascita dell’Ateneo unico regionale; un progetto, che, sin da ora, deve essere attivato con programmi di collaborazione sinergici tra le tre università abruzzesi. Lo considero -conclude- il prologo alla nascita di una grande e competitiva istituzione universitaria capace di svolgere un ruolo importante in Europa”.

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata