• Google+
  • Commenta
24 ottobre 2011

Il futuro dell’energia polacca

L’Università di Wroclaw ha organizzato una discussione sul futuro dell’energia polaccaNegli ultimi anni, la Polonia ha realizzato una crescita economica notevole: la produzione industriale e di servizi ha registrato una forte accelerazione ed anche il tenore di vita dei cittadini è aumentato sensibilmente. Lo sviluppo economico del Paese, nel suo complesso, ha quindi richiesto una maggiore disponibilità di energia per usi privati ed industriali.

La risorse energetiche della Polonia, tuttavia, sono scarse, poco differenziate e fortemente dipendenti dalle condizioni di mercato: le principali fonti d’energia utilizzate nel Paese sono ancora gli idrocarburi e il gas (di provenienza russa), mentre l’energia eolica e solare stanno muovendo i primi passi.

L’utilizzo di fonti energetiche alternative non sembra ancora garantire standard accettabili di affidabilità e di efficienza economica: in molti, politici e tecnici, non ritengono che le sole fonti rinnovabili possano fronteggiare la domanda energetica nazionale. Tra le varie alternative presentate, c’è anche quella dell’energia nucleare: la costruzione di un paio di centrali nucleari di nuova generazione, nonostante i timori e gli allarmi recenti, potrebbe essere un’opzione praticabile in pochi anni.

Il dibattito sulla sicurezza energetica della Polonia è dunque iniziato, sia a livello politico che accademico. Da questa discussione è scaturita anche la tavola rotonda organizzata dall’Università Politecnica di Wroclaw, sul futuro dell’energia polacca: l’incontro, che si terrà il prossimo 29 ottobre presso l’Auditorium dell’Ateneo, intende affrontare il problema della crescente domanda di energia elettrica della Polonia a fronte delle sue limitate risorse di combustibile fossile.

Il Politecnico di Wroclaw ha voluto realizzare un evento aperto alla cittadinanza, dedicato soprattutto a chi ha poche conoscenze o competenze nel settore dell’energia: lo scopo, infatti, è quello di fornire un ampio panorama delle possibilità di sviluppo energetico per i prossimi anni. Tra gli ospiti invitati alla tavola rotonda vi sono numerosi professori universitari ma anche manager e tecnici di varie aziende, che affronteranno il problema dell’approvvigionamento energetico della Polonia da varie prospettive, tra le quali sicurezza, costi economici e ambientali.

Pasqualino Guidotti

Google+
© Riproduzione Riservata