• Google+
  • Commenta
29 ottobre 2011

Obama ha annunciato un piano di aiuto economico per gli studenti americani

Il Presidente Obama ha annunciato un piano di agevolazioni economiche per gli studenti americaniLo scorso 25 ottobre, il Presidente americano Barack Obama ha tenuto un discorso all’Università di Denver, Colorado: davanti ad una folta platea di studenti, Obama ha assicurato che il governo degli Stati Uniti intende aiutare i giovani americani che hanno difficoltà a ripagare i debiti contratti per mantenersi agli studi.

La crisi economica, infatti, ha acuito la drammatica situazione di migliaia di studenti americani, costretti ad indebitarsi per pagare le rette universitarie ed ora impossibilitati a restituire le somme ricevute. In teoria, i giovani americani, una volta entrati nel mondo del lavoro, avrebbero pagato i mutui con una percentuale prelevata dallo stipendio: in realtà, la crescente disoccupazione e la difficoltà di accesso al credito hanno reso quasi impossibile la restituzione di questi prestiti.

Il piano del governo americano prevede di introdurre una riduzione del prelievo sul reddito dei laureati, dal 15 al 10 per cento dello stipendio (futuro). Inoltre, il Presidente Obama ha annunciato che l’eventuale debito residuo degli studenti americani sarà definitivamente cancellato in un lasso di tempo di venti anni, non più venticinque, come previsto dall’attuale normativa.

La reazione degli studenti americani non è stata del tutto positiva: in molti, infatti, hanno affermato che le misure annunciate agevolano solo parzialmente la restituzione dei prestiti, senza risolvere il problema della mancanza di lavoro dei neo-laureati.

Negli scorsi mesi, il Congresso americano aveva già presentato un progetto di legge per facilitare il rimborso dei prestiti: le misure economiche sarebbero entrate in vigore dal 2014 ma il Presidente Obama ha voluto accelerare l’iter procedurale. Molti analisti politici hanno letto questo provvedimento in chiave elettorale: Obama vorrebbe riconquistare in questo modo il voto dei giovani elettori, determinante per la vittoria del 2008.

Pasqualino Guidotti

Google+
© Riproduzione Riservata