• Google+
  • Commenta
12 ottobre 2011

Sapienza: tempi duri per i fuori corso

Sono molti gli studenti dell’Università di Roma Sapienza che in questi giorni stanno ricevendo lettere di avviso da parte dell’ateneo. Lettere dal contenuto minaccioso visto che avvertono che da quest’anno accademico i fuori corso inizieranno a pagare una “sovrattassa” pari al 50% della retta pagata normalmente. Sono molti gli studenti dell’Università di Roma Sapienza che in questi giorni stanno ricevendo lettere di avviso da parte dell’ateneo. Lettere dal contenuto minaccioso visto che avvertono che da quest’anno accademico i fuori corso inizieranno a pagare una “sovrattassa” pari al 50% della retta pagata normalmente.

La maggiorazione verrà addebitata sulla seconda rata a meno che lo studente non passi al part-time.
Ma in cosa consiste il part-time universitario? Sostanzialmente si concorda la durante degli anni, considerando il tempo che si può dedicare agli studi, da un minimo di 20 cfu l’anno ad un massimo di 40 cfu. Non varierà dunque il numero di esami da sostenere nella propria carriera accademica.

In più se si va fuori corso anche dal tempo parziale concordato, si incorrerà nuovamente nella maggiorazione (pari anch’essa al 50% della misura normale), se si ritarda la laurea si avrà tempo fino al doppio degli anni concordati inizialmente, ad esempio chi si doveva laureare in sei anni avrà tempo fino al dodicesimo per conseguire il titolo.

Chi conseguirà il titolo in anticipo rispetto al tempo concordato, potrà presentare un’istanza in segreteria per pagare solo gli anni effettivamente impiegati per laurearsi, a parziale deroga di quanto riportato all’art.24 punto 12 del Manifesto degli studi.

Le domande per il passaggio potranno essere presentate su Infostud dal primo settembre al 28 ottobre 2011. Attenzione perchè l’azione è irreversibile, una volta passati al tempo parziale non si potrà più tornare al tempo normale. Da notare anche che gli iscritti al vecchio ordinamento non potranno accedere a questa forma, come anche gli studenti di oridnamento DM 270/04 o 509/09 che hanno terminato il periodo massimo per conseguire il titolo e gli studenti iscritti ai corsi a distanza in convenzione con il Consorzio Nettuno.

Dovrà optare per il parziale anche chi è prossimo alla laurea, cioè chi intende laurearsi a partire dalla prima sessione di laurea prevista per l’a.a. 2011-2012, se così andrà fuori corso. Chi invece è già passato al tempo parziale speciale non avrà l’aumento del 50%.

La disposizione è già stata pubblicata sul Manifesto generale degli studi per quest’anno accademico, ed è conforme alla delibera del Consiglio di amministrazione del 19 aprile 2011.

Irene Cassaniti

Google+
© Riproduzione Riservata