• Google+
  • Commenta
17 ottobre 2011

Uni Astiss: inaugurata la nuova sede

Lo scorso 15 ottobre è stata inaugurata la nuova sede del polo universitario dell’Uni Astiss.

Al taglio del nastro hanno preso parte il sindaco di Asti, Giorgio Galvagno, il presidente del consorzio Uni Astiss, Michele Maggiora, la presidente della Provincia, Maria Teresa Armosino, l’assessore regionale, Giovanna Quaglia, gli assessori comunali Angela Quaglia, Piero Mora, Sergio Ebarnabo, quelli provinciali Gianfranco Ferraris, Marco Versè, il presidente della Camera di Commercio Mario Sacco, il presidente della Cassa di Risparmio di Asti, Aldo Pia.

Presenti numerosi docenti in rappresentanza dei due atenei piemontesi, Torino e Piemonte Orientale. Dopo il taglio del nastro il Vescovo Mons. Francesco Ravinale ha impartito la benedizione alla sede universitaria.

La nuova sede universitaria, presso l’ex caserma “Colli di Felizzano”, – dice il Sindaco Giorgio Galvagnonon è un traguardo, ma un punto di partenza. Il futuro della sede di Asti dipende da un complesso di fattori: l’impegno delle istituzioni locali e dei soggetti che fanno parte del Consorzio Astiss, le decisioni che verranno assunte a livello regionale e nazionale, ma soprattutto la complessiva capacità di tutta la comunità di sostenere e rafforzare la presenza dell’Università sul territorio, adeguandola alle sfide che ci attendono nei prossimi anni”.

In altre parole, il nuovo polo universitario oltre a formare e fare ricerca avrà il compito di stringere alleanze strategiche con le forze economiche e sociali che operano nell’astigiano.

Come spiega l’assessore Piero MoraIn questi mesi abbiamo lavorato soprattutto con l’obiettivo di dare sostanza all’ipotesi di costituire un incubatore d’imprese o una rete di incubatori. Per Asti sarebbe una novità rilevante.—continua MoraLa Giunta comunale ha approvato una delibera d’indirizzo che inserisce l’incubatore d’imprese come tassello di un più ampio piano per il lavoro, in particolare giovanile, che l’amministrazione sta definendo, saranno interventi mirati e concreti per dare opportunità di sviluppo alla città. Puntiamo ad incrementare la presenza dell’Università in città: deve diventare un punto di riferimento e un laboratorio permanente di idee, proposte, progetti al servizio della nostra comunità. Infine, ferma restando l’offerta didattica, intendiamo potenziare le attività di ricerca e di alta formazione, puntando ad attrarre dall’esterno risorse economiche e intellettuali”.

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy