• Carfagna
  • Paleari
  • Leone
  • Bonetti
  • Romano
  • De Luca
  • Bruzzone
  • Tassone
  • Valorzi
  • Miraglia
  • Dalia
  • Boschetti
  • Antonucci
  • Crepet
  • Coniglio
  • Barnaba
  • Rinaldi
  • Mazzone
  • Quaglia
  • Andreotti
  • Ward
  • Falco
  • Scorza
  • Gnudi
  • De Leo
  • Ferrante
  • Alemanno
  • Liguori
  • Napolitani
  • Romano
  • Pasquino
  • Bonanni
  • Santaniello
  • Cacciatore
  • de Durante
  • Cocchi
  • Quarta
  • di Geso
  • Chelini
  • Rossetto
  • Baietti
  • Buzzatti
  • Algeri
  • Catizone
  • Casciello
  • Califano
  • Gelisio
  • Meoli
  • Grassotti

Unisa: “La sociologia classica oltre lo stato-nazione?”

4 Ottobre 2011
.
23/01/2022

Secondo una recente letteratura, la sociologia, dalla sua nascita e sino a tempi assai recenti, avrebbe assunto una sostanziale identità tra 'società' e 'nazione'.



Autori classici quali Simmel, Marx, Sombart, Weber e Durkheim avrebbero dato per scontata tale coincidenza, aprendo la strada a ciò che più tardi sarebbe stato chiamato ‘nazionalismo metodologico’.

Sulla base di ciò – si sostiene – le teorie sociali dei sociologi classici non sarebbero in grado di cogliere la realtà delle società di oggi, sempre più interdipendenti ad un livello sovranazionale; inoltre, e cosa ancora più importante, non sarebbero capaci di interpretare i mutamenti sociali nell’Europa contemporanea.

La conferenza tenta di respingere questa lettura dei classici, pur accettando che una mera coincidenza tra ‘nazione’ e ‘società’ sia incapace di comprendere il mondo d’oggi. In particolare, l’ipotesi avanzata è che le categorie sociologiche dei classici fossero molto più complesse e andassero già oltre l’idea di una società chiusa dentro i confini dello stato-nazione; e poiché sono essenzialmente universalistiche, tali categorie sarebbero quindi in grado di comprendere i fenomeni sociali di un mondo oggi sempre più interdipendente.

Lo scopo di questa conferenza è di rivalutare il modo in cui la sociologia classica guardava alla società tra il 1871 ed il 1945, quando la nazione era al sua apogeo, e tentare di gettar luce sui possibili modi di utilizzare alcune delle sue idee per comprendere i mutamenti in atto nell’Europa odierna; la conferenza tenta di conseguire tale scopo affrontando le seguenti questioni:

1) qual è il rapporto tra ‘nazione’ e ‘società’ secondo i sociologi classici;

2) quel è il rapporto tra ‘società nazionale’ e ‘società europea’ nei lavori di questi autori;

3) in quale modo la loro analisi può aiutare a sviluppare una sociologia della società globale capace di comprendere l’Europa odierna.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata