• Google+
  • Commenta
28 ottobre 2011

UniVe: I misteri degli universi paralleli tra scienza e fantascienza

Lungo il sottile confine fra scienza e fantascienza Gian Francesco Giudice, fisico del Cern (l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare con sede a Ginevra), affronterà a Ca’ Foscari l’affascinante tema degli universi paralleli, della materia ed antimateria nel corso dell’incontro Fantascienza e LHC in programma domani – venerdì 28 ottobre – per il ciclo “La scienza al cinema: divertirsi imparando”. (Auditorium Santa Margherita, ore 18).

Continuano dunque gli appuntamenti con la fortunata serie ideata da Achille Giacometti e Flavio Sartoretto con Roberta Novielli e Ca’ Foscari Cinema, in cui docenti e studiosi filtrano attraverso le proprie conoscenze alcuni episodi raccontati sul grande schermo. Catastrofi climatiche, materia e antimateria, tecnologie “spaziali” e fenomeni pseudoscientifici sono alcuni degli argomenti dove gli esperti tracceranno il confine tra scienza e fantascienza.

Gian Francesco Giudice:
E’ un fisico teorico delle particelle elementari che lavora al CERN di Ginevra. Nato nel 1961, si è laureato in fisica all’Università di Padova ottenendo poi il titolo di Ph.D. in fisica teorica presso la Scuola Superiore di Studi Avanzati di Trieste. La sua carriera è sempre stata strettamente collegata alla ricerca presso i grandi acceleratori di particelle: prima di arrivare al CERN ha lavorato al Fermi National Accelerator Laboratory di Chicago, il più grande laboratorio di fisica delle alte energie degli Stati Uniti, e all’Università del Texas durante la fase di costruzione dell’SSC, operando nel gruppo del Prof. Steven Weinberg, premio Nobel per la fisica. Ha contribuito alle attuali conoscenze della teoria delle particelle elementari e della cosmologia con più di un centinaio di articoli scientifici.

Calendario dei prossimi appuntamenti (ingresso libero):
Venerdì 11 novembre
(Auditorium Santa Margherita, ore 18)
Il cervello, la mente e i suoi scenari fantastici. Il Prof. Paolo Legrenzi  tratta i collegamenti tra cervello e mente, i nostri “hardware” e “software”, e l’utilizzo che ne ha fatto il cinema.

Venerdì 25 novembre
(Aula Magna, Ca’ Dolfin, ore 18)
La scienza nel cinema di Jean-Luc Godard  
Con Giorgio De Vincenti, Direttore del Dipartimento Comunicazione e Spettacolo dell’Università Roma 3, si spazierà dai concetti matematici ai buchi neri, parlando di scienza nel cinema di uno dei maestri del cinema francese.

Venerdì 2 dicembre
(DAIS, via Torino 155 – Mestre)
Cinema e pseudoscienza
Il Prof. Flavio Sartoretto, sempre attraverso esempi tratti dal grande schermo, parlerà di fenomeni paranormali e di come questi possono essere presenti nella nostra vita quotidiana.

Google+
© Riproduzione Riservata