• Google+
  • Commenta
16 ottobre 2011

Università del Salento, il ministero rigetta lo Statuto

Il Miur ha rispedito al mittente lo Statuto dell’Università del Salento.

Nelle motivazioni fornite dal ministero non sono stati segnalati problemi di legittimità e legalità del documento, ma piuttosto vizi procedurali, che a detta del Dicastero all’Istruzione vanno risolti. In sostanza, nella missiva spedita ai vertici dell’Università pugliese, viene ribadita la bontà delle scelte compiute dal Senato accademico e non vengono individuate violazioni gravi.

Le osservazioni del Ministero riguardano le modalità di elezioni dei membri del consiglio di amministrazione. Lo Statuto formulato dal Senato, prevedeva l’ elezione diretta dei membri tramite votazione diretto. Il Ministero invece, ha fatto notare, che l’attuale normativa prevede che sia il rettore a nominarli o il Senato Accademico su proposta dello stesso.

Per risolvere la vicenda , l’ateneo sembra sita procedendo proprio verso quest’ultima soluzione, come ha dichiarato il rettore Laforgia :” Si è optato per la loro designazione da parte del Senato Accademico su proposta del Rettore, a differenza della maggioranza delle Università italiane che ha preferito porla direttamente in capo al Rettore.”

Considerata la necessità di modificare la norma contestata dal Miur,
il 13 ottobre si è riunito nuovamente il Senato Accademico per approvare il nuovo Statuto , riscritto alla luce delle indicazioni ministeriali. Tempi stretti per l’approvazione, che dovrà avvenire entro la fine del mese.

In ogni caso, a beneficio dei lettori è possibile visionare sia la lettera ministeriale, che il nuovo statuto modificato sui seguenti portali e links: http://bacheca.unisalento.it/pubblicazioni/letteraMIUR20111011.pdf (lettera del ministero),

http://bacheca.unisalento.it/pubblicazioni/Statuto_20111012%20.pdf (statuto modificato).

Google+
© Riproduzione Riservata