• Google+
  • Commenta
24 novembre 2011

Chiesta interrogazione in parlamento per scarsi fondi all’Università di Bergamo

Alberto Ribolla, capogruppo della Lega Nord a Palazzo Frizzoni e coordinatore nazionale del Movimento Universitario Padano, ha chiesto tramite una mozione che sarà portata in Consiglio comunale di fare chiarezza sul fondo di finanziamento ordinario (Ffo) per gli scarsi finanziamenti che arrivano all’Università di Bergamo.

Nei prossimi giorni gli onorevoli Giacomo Stucchi e Paolo Grimoldi presenteranno un’interrogazione parlamentare per l’alto carico di tasse imposte agli studenti bergamaschi, secondo quanto emerso da una pubblicazione del Sole 24 ore :

Al top della classifica pubblicata da “Il Sole 24 Ore” c’è l’università di Bergamo – fa luce Ribolla – che richiede il 35,5% di contribuzione agli studenti rispetto al finanziamento dello Stato. La legge imporrebbe che le tasse non superino una somma pari al 20% del contributo ricevuto dall’ateneo sotto forma di finanziamento ordinario“.

Il meccanismo su cui viene calcolato il Finanziamento Ordinario è, secondo il coordinatore, fermo su vecchi parametri usati da oltre 10 anni. L’ateneo bergamasco riceve meno contributi dallo Stato per ogni studente, per l’esattezza 2.422 euro a iscritto mentre la media nazionale è di quattro mila euro.

Lo Stato, pertanto – firmano nell’interrogazione Grimoldi e Stucchiè debitore nei confronti dell’ateneo bergamasco di 15 milioni di euro all’anno su un bilancio di 35 milioni di euro.

Le tasse universitarie pagate dagli studenti di Bergamo potrebbero essere ridotte se lo Stato finanziasse in modo adeguato la nostra università. Allo stesso modo, con le ulteriori risorse che sono dovute si potrebbe ampliare ulteriormente l’offerta formativa“.

Verrà chiesto nell’interrogazione di intervenire sui parametri del finanziamento agli atenei per premiare le università virtuose che, secondo i due onorevoli, devono garantire istruzione agli iscritti e abbandonare il vecchio sistema di fabbrica di poltronifici.

Danilo Ruberto

Google+
© Riproduzione Riservata