• Google+
  • Commenta
3 novembre 2011

Fare i pendolari stressa

Un ricerca compiuta dall‘Università di Lund, in Svezia, ha confermato quella che è un impressione derivante dal senso comune, ossia che i pendolari conducano una vita stressante.

L’analisi compiuta dai ricercatori svedesi ha dimostrato che chi usa mezzi pubblici o automobili per recarsi sul luogo di lavoro, compiendo quindi tragitti più o meno lunghi, ha uno stato di salute più precario rispetto a chi invece, abitando nella stessa città dove lavora, utilizza bici o si reca a piedi in ufficio.

Il campione preso in considerazione, riguarda 21.000 lavoratori svedesi in età compresa tra i 18 e i 65 anni

Il confronto tra pendolari e residenti, appare piuttosto preoccupante. Il pendolare infatti, costretto a viaggiare utilizzando mezzi pubblici, ha tassi più elevati di stress ed ha disturbi del sonno superiori alle altre categorie di lavoratori, inoltre fa ricorso ad assenze per malattia in misura maggiore.

Lo studio, pubblicato sulla rivista BMC PUbblic Health, tuttavia insiste sul fatto che la condizione di pendolare, rispetto ai disturbi evidenziati deve sempre essere considerata e rapportata allo stato di salute generale del soggetto.

Vincenzo Amone

Google+
© Riproduzione Riservata