• Rossetto
  • Romano
  • Coniglio
  • Quarta
  • Leone
  • Carfagna
  • Scorza
  • Santaniello
  • Catizone
  • di Geso
  • Quaglia
  • Chelini
  • Falco
  • Cocchi
  • Alemanno
  • Gnudi
  • Boschetti
  • Barnaba
  • Andreotti
  • De Luca
  • Califano
  • Crepet
  • Napolitani
  • De Leo
  • Baietti
  • Dalia
  • Cacciatore
  • Grassotti
  • Casciello
  • Romano
  • Meoli
  • Paleari
  • Buzzatti
  • Mazzone
  • Algeri
  • Ward
  • Valorzi
  • Pasquino
  • Gelisio
  • Bonetti
  • Liguori
  • Bonanni
  • Miraglia
  • Bruzzone
  • Rinaldi
  • Tassone

Le pop star come fenomeno sociale e culturale

21 Novembre 2011
.
19/06/2021

Il mondo dello spettacolo rappresenta una fucina di modelli culturali che vengono imitati dai giovani e non solo.

Possono diventare oggetto di studio in Italia?Le televisione è ancora, nonostante l’avanzata a pieno regime di internet, un appuntamento quotidiano nelle giornate di quasi tutte le persone. Si guarda la tv per svagarsi, rilassarsi e staccare dalla routine del lavoro, di incombenze varie, ecc. I programmi più diffusi nei palinsesti sono i film, i telefilm, gli appuntamenti sportivi e i reality.

Dalla sua nascita fino ad oggi, il mezzo televisivo è stato studiato come uno strumento in grado di coinvolgere le persone e accomunarle verso un’unica e identica esperienza emotiva. Attori e attrici diventano eroi incredibili, con schiere di fan in tutto il mondo.

Si creano legami immaginari con questi personaggi, nuove manie e tendenze, io stesso conosco persone che hanno svolto tesi di laurea sulla trilogia di Matrix o su Dr. House – Medical Division, per indagare i loro significati sociali e culturali.

Un discorso analogo e se possibile ancora più ampio può essere fatto per le pop star. Da questo punto di vista, il continente americano è senza dubbio il più prolifico: si può pensare a Michael Jackson, Madonna, Anastacia, Alicia Keys, ecc. Nonostante la fama raggiunta da cantanti di questo calibro, in Italia non si è ancora sviluppato un filone di studi che indaghi la portata di questo fenomeno. Almeno fino ad oggi.

Fabio Acca, ricercatore presso il Dms (Dipartimento di Musica e Spettacolo) di Bologna, ha inaugurato un nuovo terreno di studi, intitolando “Performing Pop” il nuovo numero del semestrale “Prove di Drammaturgia”, redatto dal Cimes (Centro di Musica e Spettacolo).

Acca sostiene che le pop star si esibiscano attraverso tecniche anche teatrali, come i più classici dei performer e che studiarli possa consentire di livellare la differenza tra alta e bassa cultura.

Personalmente, ritengo che svolgere questo tipo di indagine sia molto utile anche per ampliare le conoscenze sul tipo di comunicazione che si instaura tra queste icone mondiali e i milioni di fan. O perlomeno sulla grande energia che viene trasmessa durante i loro concerti.

Marco Reggiani Della Gala

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata