• Google+
  • Commenta
17 novembre 2011

Per tre anni niente tasse per gli universitari dell’Aquila

L’università dell’Aquila e il Ministero dell’Istruzione, hanno siglato lo scorso 11 Novembre un accordo in base al quale, gli studenti dell’ateneo abruzzese per i prossimi tre anni non pagheranno le tasse universitarie.

Un accordo raggiunto in extremis , alla scadenza del mandato dell’uscente ministro Mariastella Stella Gelmini e dall’esito per nulla scontato come ha dichiarato il rettore Di Orio, nella conferenza stampa in cui si annunciava l’intesa raggiunta. « L’ accordo è stato molto faticoso da raggiungere- ha spiegato il rettore- perché abbiamo dovuto convincere il Miur che L’Aquila è ancora in emergenza e che la sua università si regge grazie al sostegno del ministero e alla solidarietà e all’attaccamento dei suoi studenti che, nonostante le difficoltà del terremoto, hanno scelto i corsi delle facoltà aquilane riconoscendone la qualità».

Il rettore ha anche espresso soddisfazione e sollievo per il raggiungimento dell’intesa poiché, ha spiegato :«Ora l’università può sopravvivere. Se invece di un accordo triennale con questo tipo di agevolazioni il ministero ci avesse concesso soltanto un accordo annuale, come era orientato a fare, l’università dell’Aquila sarebbe morta. E io mi sarei dimesso».

Alla conferenza stampa erano presenti anche il prorettore vicario, Angelo Luongo, e il nuovo direttore amministrativo, Piero Di Benedetto.

Il ministero inoltre, come previsto dall’accordo, erogherà 5 milioni all’anno che saranno usati per i contratti di locazione dell’ateneo, elevati a causa del terremoto, e inoltre per sopperire al mancato introito derivante dalle tasse studentesche e previsto un ulteriore contributo annuo di 14 milioni. In tutto, saranno 68, 5 milioni i fondi di finanziamento ordinario destinati all’Aquila.

Vincenzo Amone

Google+
© Riproduzione Riservata