• Google+
  • Commenta
19 novembre 2011

Sempre più studenti stranieri nelle Università degli Stati Uniti

In aumento il numero di studenti stranieri nelle Università degli Stati UnitiUn rapporto dell’International Institute of Education (IIE), che raccoglie dati sull’educazione dal 1949, rivela come nell’anno accademico 2010 – 2011, la percentuale di studenti stranieri negli Stati Uniti sia aumentato del 4,7%, raggiungendo la cifra record di 723.200 giovani.

Questa crescita straordinaria è stata registrata dopo alcuni anni di sensibile diminuzione di stranieri nei college e nelle Università americane, anche in seguito alle misure immigratorie restrittive messe in pratica dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001. Allo stesso tempo, l’IIE ha registrato anche un incremento del numero degli studenti americani che hanno deciso di continuare i propri studi all’estero, a riprova del grande successo dei programmi di scambio accademico.

La maggior parte degli studenti stranieri nei college e nelle Università degli Stati Uniti proviene dalla Cina, seguita da India, Corea del Sud, Canada e Taiwan. Il numero di studenti provenienti dall’Arabia Saudita, invece, registra il maggiore incremento su base annua: 43,6%.

Le Università più frequentate dagli studenti stranieri sono quelle della California, New York, Texas, Massachusetts e Illinois: la maggiore presenza di giovani stranieri si è registrata in Facoltà che offrono corsi di studio in business e management, ingegneria e informatica.

Secondo gli esperti, l’aumento del numero di studenti stranieri negli Stati Uniti, e in generale in tutte le Università occidentali, rappresenta un normale fenomeno che riflette la crescente globalizzazione della formazione. Allo stesso tempo, però, questo fenomeno evidenzia anche la triste necessità per molti giovani di lasciare la propria terra d’origine ed andare a studiare all’estero, con la speranza di avere maggiori possibilità culturali e lavorative.

Pasqualino Guidotti

Google+
© Riproduzione Riservata