• Google+
  • Commenta
25 novembre 2011

“Si può salvare la scuola italiana?”

Sabato 26 novembre 2011 alle ore 9.00 presso il Teatro Carignano (P.zza
Carignano, 6), si terrà l’incontro dal titolo “Si può salvare la scuola italiana? Chi, come, quando?” organizzato dall’Assessorato all’Istruzione della Provincia di Torino, in collaborazione con la Direzione Generale per gli ordinamenti e l’autonomia scolastica del Miur, l’Università di Torino e il Circolo dei Lettori, con il patrocinio della Città e della Provincia di Torino.

La scuola italiana esporta talenti, ma assiste impotente all’aumento nel Paese dei giovani “né né”, che non studiano e non lavorano. I dati OCSE-PISA segnalano da tempo alcune carenze del nostro sistema formativo, che comunque ha indubbiamente i suoi pregi, per cui non sarebbe auspicabile una sua omologazione forzata rispetto a modelli esterni. Ma la consolazione di
non essere gli ultimi non ci può bastare.

Un Paese che vuole crescere scommette sulla scuola e sui giovani, le risorse creative più feconde.
L’incontro al Teatro Carignano nasce dalla volontà di esplorare a tutto campo con onestà intellettuale il nostro sistema scolastico, allo scopo di rilevare i punti di forza da valorizzare e i punti deboli da sottoporre a miglioramento in un’ottica propositiva sinergica che chiami all’appello tutti coloro che hanno a cuore il futuro del nostro Paese.

B.M.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy