• Google+
  • Commenta
24 novembre 2011

Sventato dalla polizia il furto di un auto nel parcheggio dell’Università di Salerno

Questa volta pur parlando di università, non voglio soffermarmi sulle problematiche didattiche con le quali quotidianamente convive – avvolte anche con alcune sofferenze emotive – lo studente. Lasciamo quindi da parte queste vicende di ordine squisitamente tecnico.

La questione è un’altra.

All’università di Salerno, infatti, purtroppo da qualche tempo c’è da registrare un fenomeno per nulla piacevole: quello dei furti d’auto.

Così si pronunciava poche settimane fa uno dei rappresentanti degli studenti dell’Università:

“E’ dalla scorsa primavera che non ci sentiamo sicuri nel lasciare le nostre autovetture all’interno del campus. I furti avvengono, ormai, con cadenza quasi quotidiana e nemmeno la presenza di addetti alla sicurezza tende a scoraggiare i malintenzionati. Sicuramente la posizione strategica nella quale è ubicato il plesso universitario della nostra città, -tra Salerno ed Avellino- può attirare molti malintenzionati all’interno della struttura universitaria. Voglio sensibilizzare le istituzioni locali e di tutta la valle dell’Irno affinchè simili fenomeni possano essere debellati in modo da far tornare la tranquillità in queste zone da sempre frequentate da studenti e lavoratori”.

Un grido di aiuto che non è rimasto di certo inascoltato.

E’ di ieri infatti un’operazione della polizia, che nel controllo capillare del territorio, ha tratto in arresto due soggetti che, aggirandosi in uno dei parcheggi dell’ateneo – precisamente quello di ingegneria – tentava di rubare un’autovettura ad un povero studente, ignaro del fatto, poichè impegnato nelle lezioni che si protraggono anche durante le ore pomeridiane.

Un atteggiamento sospetto da parte dei due avventori che ha subito insospettito gli uomini in divisa. A conclusione della vicenda, si è scoperto che una delle due persone, aveva già precedenti specifici nel “settore”. I malintenzionati si trovano ora nella casa circondariale di Salerno, pronti per rispondere del reato a loro ascritto.

L’addetto alle relazioni con il pubblico della questura di Salerno ha così commentato ” l’arresto di ieri compiuto all’università, non è nè il primo e sicuramente non sarà l’ultimo. Questo, come altri reati predatori, saranno debellati con qualunque mezzo. Gli inquirenti inoltre stanno indagando per capire se le due persone arrestate, possano far parte di un organizzazione ben più ramificata sul territorio, dedica a simili azione offensive”.

Marco Cristofaro

Google+
© Riproduzione Riservata