• Google+
  • Commenta
24 novembre 2011

Unisa: a carte scoperte

L’Università degli Studi di Salerno ospiterà il 24 e 25 novembre un convegno di studi intitolato “A carte scoperte. Percorsi di ricerca sul gioco tra storia, mercato e attualità“.

L’evento avrà luogo presso l’Aula delle lauree “Gabriele De Rosa“, Facoltà di Scienze Politiche, ed è il quinto convegno promosso dall’Osservatorio Internazionale sul Gioco e dall’Ateneo salernitano.

L’Osservatorio Internazionale sul Gioco, fondato dal prof. Giuseppe Imbucci – storico, docente universitario e studioso del gioco – promuove da anni questo tipo di iniziative volte alla conoscenza della cultura ludica del gioco pubblico, ed ha un ruolo fondamentale negli studi sulle dinamiche sociali, economiche, culturali e cliniche collegate allo sviluppo del gioco in Italia, ma anche all’estero.

Il convegno vede la partecipazione anche della Provincia di Salerno, della Federazione Italiana Tabaccai (FIT), della Gamenet S.p.A, della Lottomatica, della STS e della Fondazione Unigioco.

L’appuntamento è previsto per le ore 15 di giovedì 24 novembre, al quale parteciperà il Magnifico Rettore dell’Università di Salerno, il prof. Raimondo Pasquino, insieme ai relatori Mario Capunzo, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione, Luigino Rossi, Preside della Facoltà di Scienze Politiche, Annibale Elia, Direttore del Dipartimento di Scienze politiche, Sociali e della Comunicazione, Francesco Piro, Presidente dell’Area didattica di Scienze dell’Educazione, e Donato Verrastro, Vice Presidente dell’Osservatorio Internazionale sul Gioco.

Successivamente, venerdì 25 novembre alle ore 13 sarà consegnato il premio “Giuseppe Imbucci” Anno 2011, con medaglia di rappresentanza del Presidente della Repubblica.

Tale premio, alla sua terza edizione, si divide in due sezioni: la sezione Ricerca, che vede la consegna del premio ad un giovane ricercatore nell’ambito del gioco pubblico, e la sezione Riconoscimenti, dedicata alle pubblicazioni e ai maggiori esponenti del mondo del gioco pubblico.

Marco Cristofaro

Google+
© Riproduzione Riservata