• Google+
  • Commenta
8 dicembre 2011

Attento Pinocchio, basta un software per smascherarti

Mentire con garbo è un’arte di pochi, recita un vecchio detto. Ma prima o poi la verità viene a galla. Da oggi è possibile smascherare i bugiardi in modo semplice e veloce: basta solo un’applicazione sul computer.

La notizia giunge dalla Columbia University, dove la dott.ssa Julia Hirschberg, docente di Computer Science, ha messo in atto un software in grado di studiare ed analizzare un dialogo attraverso vari segnali tra cui la sonorità, le variazioni del tono della voce, le pause tra le parole, gli intercalari utilizzati da una persona, al fine di comprendere il grado di genuinità di un discorso. Nel corso degli esperimenti effettuati il 70% dei bugiardi è stato scoperto.

Il software brevettato dalla ricercatrice rappresenta una novità senza precedenti, che viene di fatto a sostituire l’ormai preistorica macchina della verità, nota ai tecnici del settore come poligrafo, che con il complicato sistema di fili e cavetti legati al corpo, costringeva al sequestro fisico della persona e alla conseguente tortura psicologica. Adesso basta scaricare l’applicazione sul proprio smartphone, avviarla nel momento in cui l’interlocutore nemmeno se lo aspetta e il gioco è fatto.

Ma non tutto il merito dello studio va alla Hirschberg. Già da tempo un gran numero di ingegneri, linguisti e informatici americani stanno lavorando su programmi in grado di esaminare le emozioni che accompagnano un’affermazione.
“L’obiettivo scientifico è quello di capire come le nostre emozioni si riflettono nel nostro discorso”, ha dichiarato Dan Jurafsky, professore all’Università di Stanford. “L’obiettivo concreto, invece, è quello di costruire sistemi per meglio comprendere queste emozioni”.

Dunque secondo gli studiosi è possibile scorgere le diverse sfumature di un discorso proprio attraverso le emozioni, che sono in grado di svelare se l’interlocutore sta mentendo o meno.
Questo studio sul discorso emotivo è stato messo in pratica da David Larcker, docente presso la Stanford Graduate School of Business, attraverso l’analisi delle dichiarazioni di dirigenti finanziari smentite in seguito. Ne è venuto fuori un ricorrente uso di termini come “chiaramente”.

Le applicazioni di una macchina della verità così moderna e semplice da utilizzare, vedono riscontri positivi in diversi settori, come il campo della politica e quello del giornalismo, oltre che il già citato settore della gestione aziendale. A comprendere l’enorme potenzialità della nuova tecnologia è stata per prima l’Air Force, l’aeronautica militare americana, che ha stanziato un finanziamento pari a 1,5 milioni di dollari. Compito della Hirschberg sarà quello di sviluppare algoritmi per analizzare discorsi in inglese, arabo e cinese.

Claudia Fazio

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy