• Google+
  • Commenta
15 dicembre 2011

Clownterapia

« Una risata può avere lo stesso effetto di un antidolorifico: entrambi agiscono sul sistema nervoso anestetizzandolo e convincendo il paziente che il dolore non ci sia ». (Patch Adams)

La gelotologia (dal greco gelos = riso e logos = scienza) è una nuova disciplina che analizza in modo metodico la risata, il buon umore e il pensiero positivo rispetto alle loro potenzialità terapeutiche.

Questi studi costituiscono un ponte tra biologia, psicologia, antropologia e medicina.

In Italia, la diffusione della clownterapia ha inizio negli anni Novanta.

Per molto tempo il suo operato è stato rivolto esclusivamente ai bambini ma, in questi ultimi tempi, si sta diffondendo verso tutti i pazienti, indipendentemente dalla loro età.

Tra le associazioni di clownterapia e l’Università D’Annunzio si è arrivati a determinare un nuovo percorso di collaborazione.

E’ la forza del sorriso, che non è soltanto la clownterapia che già da anni opera nei reparti dell’infanzia e dell’adolescenza e che si apre agli anziani, a chi soffre per problemi di alcol e di droghe e a tanti altri servizi.

La Facoltà di Psicologia con la Facoltà di Scienze della Formazione si apre a Medicina e a Scienze Motorie per portare con il sorriso un po’ di aiuto a chi ne ha bisogno.

La Dr.ssa Ida Di Gennaro seguirà da vicino il progetto.

Perché il sorriso porta davvero sollievo dove c’è sofferenza.

Lucia Iorio

Google+
© Riproduzione Riservata