• Google+
  • Commenta
26 dicembre 2011

Scoperta una galassia meravigliosa!

Si tratta della galassia dell’alba dei tempi quella scoperta dai telescopi spaziali della Nasa Spitzer e Hubble: è nata appena 750 milioni di anni dopo il Big Bang e, nonostante sia tra le galassie più antiche finora note, è molto brillante e decisamente prolifica, visto che produce più di 100 stelle l’anno.

La galassia, chiamata GN-108036, produce stelle a un ritmo eccezionale, tanto da mettere in crisi gli attuali modelli. GN-108036 si trova a soli 750 milioni di anni dopo la creazione del nostro universo, valutato a 13.7 miliardi di anni.

Per avere un’idea di questa peculiarità basta paragonarla con la nostra galassia, la Via Lattea, 5 volte più estesa e circa 100 volte più massiva rispetto a GN-108036, la cui produzione annua di stelle è però 30 volte più bassa.

Quando parliamo di ” galassia” tecnicamente intendiamo un grande insieme di stelle, sistemi, ammassi ed associazioni stellari, gas e polveri (che formano il mezzo interstellare), legati assieme dalla reciproca forza di gravità. Le galassie sono “oggetti” dalle vastissime dimensioni, che variano dalle più piccole galassie nane, contenenti poche decine di milioni di stelle, sino alle più imponenti galassie giganti, che arrivano a contare al loro interno anche mille miliardi di stelle, tutte orbitanti attorno ad un comune centro di massa.

In questo caso si tratta di una galassia molto grande. Un team internazionale di astronomi, guidato da Masami Ouchi, dell’Università di Tokyo, Giappone, ha per la prima volta identificato questa remota galassia dopo aver analizzato i dati di una porzione grossa del cielo vista con il Subaru Telescope, in cima al Mauna Kea, Hawaii. La sua grandissima distanza è stata poi confermata con l’uso del Keck Observatory, sempre sul Mauna Kea. In seguito, le osservazioni infrarossi di Spitzer e Hubble sono riuscite a misurare con precisione l’attività di formazione stellare della galassia.

La scoperta è sorprendente perchè le indagini precedenti non avevano scoperto galassie così brillanti in un’epoca così primordiale dell’Universo. Forse quelle indagini erano semplicemente troppo piccole per trovare galassie come GN-108036. Poiché la luce di questa galassia ha impiegato 12,9 miliardi di anni per giungere ai nostri occhi, la vediamo come era in un passato molto lontano. Per gli astronomi quindi è una sorpresa vedere una fucina di stelle antichissima e ancora così attiva, nata ai tempi in cui le galassie erano in una prima fase di formazione ed erano molto più piccole di quanto non siano oggi.

Giampaolo Felli

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy