• Google+
  • Commenta
2 dicembre 2011

UniBo: festeggiamenti rumorosi

Dopo le pesanti critiche mosse contro i festeggiamenti di laurea, soprattutto da parte di medici e pazienti del Sant’Orsola, sede della facoltà di Medicina dell’Alma Mater, il preside Sergio Stefoni si è visto costretto a intervenire in prima persona, richiamando i laureandi a un comportamento più sobrio e consono a una seduta di laurea.

Tramite una lettera aperta, apparsa sul sito della Facoltà, che sarà consegnata a ogni laureando e in seguito affissa al portone della sede dove si tengono le cerimonie, il preside ha cercato di spiegare i motivi del suo intervento e tracciare nuove regole di comportamento da seguire durante le sedute di laurea.

Ciò che si richiede a un laureando, riassumendo quanto scritto da Stefoni, è un comportamento decoroso, quindi evitare di imbrattare muri o pavimenti, stop agli schiamazzi e non creare confusione durante la seduta di laurea, uscendo ed entrando dall’aula in continuazione, pena il rischio di incappare in pesanti sanzioni. Perfino la sospensione del titolo appena ottenuto.

Inoltre, Stefoni, evitando di entrare nel merito dei festeggiamenti, circa quello che si può fare e non, ricorda non solo che il Sant’Orsola, prima di essere una sede dell’Università, è prima di tutto un ospedale e come tale dovrebbe essere considerato da chi è stato appena proclamato Dottore, ma rileva, tra l’altro, che i festeggiamenti “hanno obiettivamente superato il limite del decoro.

Per porre fine a questa situazione, prosegue il preside, l’unica via è di responsabilizzare i laureandi, poiché le parole “non bastano più”. Dichiarazione che appare più una minaccia che una richiesta tanto che lo stesso Stefoni, concludendo la lettera, chiarisce, rivolgendosi ai laureandi “Qualora si verificassero, in occasione del suo esame di laurea, situazioni di disagio ai pazienti o al personale o di danno alle strutture di proprietà dell’Università o dell’azienda ospedaliera, mi vedrò costretto a prendere le necessarie misure correttive di carattere procedurale”. Il che potrebbe tramutarsi anche nella sospensione dell’agognato titolo.

Il problema dei festeggiamenti troppo rumorosi, però, non è prerogativa del solo corso di studi di Medicina, ma accomuna un po’ tutte le facoltà dell’Alma Mater e non solo. La stessa città si vede imbrattata dal lancio di uova e farina, bottiglie vuote ovunque, per questo che anche altri presidi di Facoltà si stanno muovendo nella stessa direzione di Stefoni, per cercare di cambiare una situazione che va avanti da troppo tempo.

Francesco Pandolfi

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy