• Google+
  • Commenta
14 dicembre 2011

UniTn: Bangladesh, l’Ambasciatore ricevuto in Rettorato


Giornata trentina oggi per l’Ambasciatore del Bangladesh in Italia, Masud Bin Momen. In città per visitare la comunità universitaria bengalese, composta da una trentina di giovani iscritti ai corsi di laurea o alle scuole di dottorato dell’Ateneo o impegnati in attività come post-doc, l’ambasciatore aveva espresso il desiderio di poter incontrare il Rettore.E così, nel primo pomeriggio, insieme al Console Syed Moinul Hasan e a una piccola rappresentanza di studenti del Bangladesh, è stato ricevuto in Rettorato dal rettore dell’Università di Trento, Davide Bassi, e dalla prorettore alle relazioni internazionali, Carla Locatelli, per un incontro di conoscenza reciproca e di approfondimento delle collaborazioni scientifiche in atto.

Nel corso del pomeriggio l’Ambasciatore ha avuto l’opportunità di incontrare anche il preside della Facoltà di Ingegneria Marco Tubino, il direttore del Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’informazione Dario Petri, il direttore del Dipartimento di Ingegneria meccanica e strutturale Luca Deseri e altre realtà scientifiche e della cooperazione internazionale operanti nel Sud Est asiatico.

Per ciò che riguarda le collaborazioni dell’Università di Trento con il Bangladesh,
l’accordo più significativo è quello con “Asian University for Women” di Chittagong, ateneo nato nel 2008. L’accordo fra Trento e Chittagong prevede sia mobilità in entrata di studenti sia mobilità in uscita di docenti. Ci sono poi delle collaborazioni scientifiche su specifiche aree dell’Università di Trento.

Dando uno sguardo ai numeri, nell’ambito dell’anno accademico in corso e di quello precedente l’Ateneo di Trento vede dodici iscritti ai corsi di laurea magistrale in lingua inglese (di questi, nove sono concentrati su Computer Science), due alla scuola di dottorato in ICT e in Ingegneria dei sistemi strutturali civili e meccanici e sei tra il master Comparative Local Development – CoDe e il master Human Language Technology and Interfaces.

Google+
© Riproduzione Riservata