• Google+
  • Commenta
31 gennaio 2012

Al via la mostra Cx3: Corpo, Cibo e Cervello

Nascere, crescere, cambiare giorno per giorno: se si dovesse scegliere un simbolo per tratteggiare il divenire, potremmo trovarlo nella vita umana.

L’Università di Bologna e la fondazione Marino Golinelli hanno a tal proposito ideato e realizzato la mostra Cx3: corpo, cibo e cervello, una sinergia di arte e scienza con l’ambizioso compito di compendiare i numerosi cambiamenti della vita umana e tracciarne un’analisi scientifica.

Allestita in piazza Nettuno a Bologna fino a 17 febbraio, la mostra si compone di una parte artistica, con 15 scatti che provano a riassumere i vari stadi dell’esistenza, e di una parte scientifica, volta al miglioramento della qualità della vita.

L’università di Bologna si dimostra attenta alle problematiche più comuni di ognuno di noi, dall’intervento pubblico per limitare scelte nocive da parte dei giovani ad un utilizzo delle tecnologie informatiche da parte dei più anziani, cercando di trovare una sintesi tra l’autonomia dell’individuo e il perfezionamento di ciò che è vantaggioso per la vita.

Il prorettore alla ricerca Dario Braga si sofferma sull’utilità della ricerca scientifica, che può essere così finalmente apprezzata dal grande pubblico nella propria concretezza.
Il rapporto della scienza con la gente è primario in Arte e scienza, che vedrà un cineforum aperto a tutti, con possibilità di porre domande e intervenire su film di celebri registi come Coppola, Truffaut e Milius, e il peculiare appuntamento dell’Agorà, uno spazio dove i cittadini potranno dialogare con scienziati e ricercatori.

Per i più piccoli sarà a messa a disposizione una piattaforma dove improvvisare e produrre musica, e un incontro spiegherà come proteggersi dal diffuso problema del bullismo via internet.

Adriano Pugno

Google+
© Riproduzione Riservata