• Google+
  • Commenta
29 gennaio 2012

CA’ FOSCARI BUON ESEMPIO PER IL DL SEMPLIFICAZIONI

Ca’ Foscari laboratorio di innovazione ed esempio a livello nazionale per le buone pratiche di semplificazione e sostenibilità. Esempio riconosciuto anche da quanto stabilito dal nuovo “decreto semplificazioni” varato dal governo Monti, che ha raccolto molti degli spunti che nell’ateneo veneziano sono già pratiche consolidate: dall’addio al libretto unviersitario cartaceo con l’introduzione dei voti on line, all’iscrizione solo telematica per gli studenti, all’introduzione di criteri di risparmio energetico nella gestione degli impianti a servizio dell’ateneo puntando su fonti rinnovabili, fino alla nuova biblioteca digitale open source che tra poco Ca’ Foscari completerà.

“Sono tutte iniziative assunte ora a livello centrale dal governo e che a Ca’ Foscari sono state adottate da tempo” spiega il rettore Carlo Carraro che a questo tema oggi ha dedicato un post nel suo blog in cui ripercorre le principali innovazioni introdotte dall’ateneo veneziano. Pratiche ora in gran parte divenute vincolanti per tutti gli Atenei per iniziativa del governo.

“La rilevanza data dai media anche nazionali (dal Corriere al Tg2, passando per Radio Due, Rai 3 e i quotidiani locali) ad alcune scelte assunte da Ca’ Foscari negli scorsi mesi si sono riflesse nelle decisioni prese dal goveno Monti e contenute nel decreto sulle semplificazioni” sottolinea ancora Carraro.

Una strada imboccata piu’ di un anno fa con l’adozione di una Carta degli Impegni di Sostenibilità (ieri adottata anche da Confindustria nazionale) sulla cui base già nei mesi passati è iniziata una stretta collaborazione con il ministro Corrado Clini.

“Tengo a ringraziarlo per il grande aiuto che ci ha dato e che continua a darci – conclude Carraro – Quella che ha avviato con Ca’ Foscari, ancora prima di diventare ministro, è una collaborazione che si inserisce in un ampio processo verso la sostenibilità di cui fa parte anche la stesura di un protocollo a disposizione di tutti gli atenei italiani per la riduzione dei gas ad effetto serra.”

Google+
© Riproduzione Riservata