• Google+
  • Commenta
30 gennaio 2012

Lectio prof Engelhardt a Lecce

Il Dipartimento di Filosofia e SS. Sociali dell’Università del Salento e la Consulta di Bioetica onlus organizzano la lectio del prof. H. Tristram ENGELHARDT, Bioethics and Transformation of Morality. Why and How do Moral Values change? (Bioetica e Trasformazione della Morale: come e perchè cambiano i valori morali), nel giorno di Mercoledì 1 febbraio alle ore 17,00 presso l’Auditorium del Museo Provinciale “S.Castromediano”, v. le Gallipoli 28, Lecce.

La lectio sarà seguita dalla presentazione dell’ultimo libro del prof. Engelhardt VIAGGI IN ITALIA. SAGGI DI BIOETICA (Le Lettere, Firenze 2012), alla quale interverranno il prof. Maurizio Mori (Università di Torino, Presidente della Consulta di Bioetica), la prof.ssa Laura Tundo (Università del Salento) e il prof. Luigi Spedicato (Università del Salento). Modera: dott.ssa Serena Corrao (Consulta di Bioetica).

Il prof. Engelhardt è un bioeticista di fama mondiale, punto di riferimento obbligato nel dibattito bioetico e di etica pubblica. Medico, filosofo e professore di filosofia presso la Rice University e di bioetica presso il Baylor College of Medicine di Huston, Texas, è Direttore del Journal of Medicine and Philosophy, una delle principali riviste internazionali di bioetica. Il suo Manuale di Bioetica è tradotto in molte lingue e pubblicato in italiano da Il Saggiatore (1991 e 1999).

Fine interprete della contemporaneità, il prof. Engelhardt sostiene che il carattere pluralista delle attuali comunità politiche obblighi ad ammettere che lo stato laico deve sconfessare ogni fondamentalismo, costituirsi come democrazia limitata e promuovere la convivenza tra gli “stranieri morali” che vi si confrontano. E per cogliere questo obiettivo deve adottare i principi del consenso e della non-interferenza, i soli capaci di far accettare l’organizzazione statale come modus vivendi plausibile.

In questa luce Engelhardt propone possibili linee di soluzione per i temi caldi della bioetica: fecondazione artificiale e maternità surrogata, assistenza sanitaria, disuguaglianze nell’accesso alle cure mediche, ingegneria genetica, vendita e/o donazione di organi, sperimentazione sugli umani, limiti della ricerca biomedica, circostanze e modi del morire con particolare riguardo all’eutanasia.

Il prof. Enghelhardt ha iniziato a venire in Italia in forma pubblica nel novembre 1991, per cui nel 2011 sono due decenni. Il volume Viaggi in Italia raccoglie i contributi che ha dato in Italia in questo lungo periodo, col vantaggio di saggi brevi su svariati temi (per un totale di 420 pagine), in ciascuno dei quali viene richiamata la prospettiva di fondo. Si tratta dunque di un lavoro nuovo, aperto da un’introduzione inedita scritta appositamente per esso.

Google+
© Riproduzione Riservata