• Google+
  • Commenta
5 gennaio 2012

Mangiar bene e vivere meglio

A Spoleto si pensa alla salute e al viver sano, dunque, entro la fine di gennaio, è prevista la firma dell’accordo denominato Protocollo d’Intesa, che vede protagonisti il comune umbro, l’Università degli Studi di Perugia e altri importanti istituti, tra i quali annoveriamo l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Umbria e delle Marche e l’Università dei Sapori s.c.a.r.l..

La volontà è quella di creare a Spoleto il Centro Umbro di Ricerca e Formazione per gli Alimenti e le Abitudini Alimentari, un’indiscutibile progetto che vuole premiare la forte presenza nel territorio locale di industrie agro-alimentari considerate all’apice della qualità italiana -come ha rimarcato anche il sindaco Daniele Benedetti– che vede la sua città primeggiare nel settore dell’alta formazione per l’attenzione verso le dinamiche alimentari.

L’iniziativa sarà supportata dal lavoro congiunto di molti dipartimenti di fisica dell’Università perugina, con l’intento di incentivare e promuovere il contributo che i giovani studenti possono apportare a tematiche del genere, saranno perciò istituite due borse di studio per i ricercatori.

Migliorare la qualità del settore alimentare equivale a migliorare quello della vita; nuovi strumenti e nuove tecnologie possono implementare e perfezionare il lavoro degli esperti, che in materia di scienze alimentari, hanno anche una responsabilità sociale da considerare, visto il modo in cui, specialmente i giovani, diventano suscettibili quando si parla di cibo.

Questo progetto, oltre a valorizzare il territorio umbro, ha la potenzialità di estendere l’indiscussa fama del nostro paese per l’attenzione alla qualità della produzione alimentare, che di buone abitudini non è mai sazia.

Alessandro Gabrielli

Google+
© Riproduzione Riservata