• Google+
  • Commenta
28 gennaio 2012

Progetto di 20 milioni di euro per alloggi studenti a Modena

Modena città delle torri, arrivano quattro nuove costruzioni da otto piani che lo confermano. È lo stesso progettista del futuro polo abitativo universitario di via Campi a dirlo: «Le quattro torri – spiega Mauro Galavotti, presidente di Campus Modena Srl società incaricata dei lavori e della futura gestione – sorgeranno nel campo sportivo posto sul retro di via Vignolese e saranno suddivise in due stralci. Il primo, partito da pochi giorni, vedrà la chiusura del cantiere tra due anni poi ci vorrà qualche altro mese per l’arredo.

Non c’era certo la fila ai bandi pubblici per partecipare, ma crediamo siamo importante l’edilizia universitaria».
Il progetto, presentato ieri dal rettore Tomasi, dal sindaco Pighi e dagli assessori Muzzarelli (Regione) e Sitta (Comune), è di tutto rispetto: nasceranno quattro edifici, i primi due intorno a fine 2015, per un totale di 120 appartamenti nuovi di zecca destinati a studenti e ricercatori della nostra Università. Ogni alloggio avrà quattro camere singole, due bagni, un soggiorno-cucina e soprattutto un canone d’affitto iperconcorrenziale con chi magari affitta in nero le camere agli studenti. Siamo a 270 euro per ogni camera singola in coabitazione, dotata di portiere del palazzo e di connessioni internet.

L’intero progetto, per il quale sono stati pubblicati due bandi, ha un valore di 20 milioni e 626mila euro e garatirà 480 posti alloggio a servizio della facoltà di ingegneria, degli istituti matematico biologici e del personale sanitario del vicino Policlinico. La Campus Modena è una società nata per l’occasione composta dai costruttori modenesi Cme Consorzio imprenditori edili e Sgi società gestione immobili partecipata anche da Cna.

Per realizzare il progetto oltre a 300mila euro da parte della Regione c’è anche un prestito a tasso zero di dieci milioni di euro sempre predisposto dall’ente pubblico.
«Il progetto sarà realizzato attraverso la finanza di progetto – spiega l’assessore Daniele Sitta – e la concessione avrà una durata di 33 anni dopodiché gli alloggi diverranno di proprietà comunale.

La proprietà passa invece a Er.Go, l’azienda regionale per il diritto agli studi superiori di Modena e Reggio, mentre le due torri di costruzione successiva saranno direttamente gestite dai costruttori che affitteranno a 365 euro a personale sanitario. L’erogazione è di un milione e 300mila euro: 500 del Comune, 500 dell’ateneo e 300 appunto della Region». Gli altri commenti. «Come già visto negli Stati generali – spiega il sindaco Pighi – il fabbisogno abitativo è emerso già dal 2005 e tutto ciò serve per rendere attrattiva la nostra università in rete con Reggio».

«La sinergia tra enti pubblici e privati – dice l’assessore regionale Giancarlo Muzzarelli – è strategica e il cantiere aiuta a portare occupazione al settore edilizio in tensione». Infine il rettore Aldo Tomasi: «Necessario soddisfare questo fabbisogno perché negli ultimi anni sono cresciuti del 20% i nostri studenti che oggi sono 15mila di cui 6mila fuori sede».

«Occorreva aumentare i posti degli alloggi che gestione e prima della fine dell’anno si concluderanno i lavori al San Filippo Neri» conclude il presidente di Er.Go Angelo Di Giansante.

M.R.

Google+
© Riproduzione Riservata