• Google+
  • Commenta
26 gennaio 2012

Stirner e l’Anarchia delle Galassie

“Vale di più l’uomo libero o la libertà? Io ho riposto la mia causa nel nulla”. Così parlò Max Stirner, padre dell’anarchismo ed antesignano del nichilismo.

La sua fu un’idea di libertà assoluta. L’amore libertario per l’individuo, lo rese celebre. Il disprezzo per le regole, invece, lo indusse all’autocensura, quindi ad un solipsismo delirante.

Al di là della genesi dell’egoismo moderno, Stirner concitò delle logiche perplessità sull’idea di Contract Social, peraltro ancora attuali, divenendo ben presto oggetto di altrettanto logici dibattiti.

Nel corso degli anni, l’anarchismo è assurto a ranghi a dir poco negativi, divenendo, a torto o a ragione, l’emblema della dissidenza e dell’irregolarità.

Tuttavia, se andare contro corrente ed infrangere le regole equivalesse ad anarchia, allora, “udite udite”, l’anarchismo moderno sembrerebbe potersi fregiare di sostenitori piuttosto altolocati. Per la precisione di 3 Galassie che disobbediscono alla legge di gravità.

La bizzarra notizia, pubblicata sull’Astrophysical Journal, ha origini italiane. Si tratta di una ricerca condotta dall’Osservatorio di Capodimonte dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e della Università di Napoli cui hanno preso parte anche alcuni ricercatori americani ed elvetici.

Secondo i ricercatori partenopei nelle galassie ellittiche, i movimenti delle stelle tendono a seguire logiche e regole del tutto differenti, ergo stirneriane, da quelle stabilite dalla gravità di Newton.

In pratica, il moto delle stelle è direttamente proporzionale alle teorie definite , la cui peculiarità sta nel prevedere un’estensione della Relatività Generale di Einstein.

“Dal punto di vista dei modelli dinamici delle galassie – spiega Nicola Napolitano – abbiamo potuto verificare che la distribuzione dei moti delle stelle nelle galassie ellittiche può essere riprodotta con estrema accuratezza dalle cosiddette teorie F®”. Per Salvatore Capozziello, ricercatore dell’Università Federico II di Napoli: ” Le galassie ellittiche non sono le sole a non obbedire alla gravità classica. Infatti, potrebbero comportarsi in modo simile anche galassie a spirale e ammassi di galassie”.

Dunque, tutto è possibile. Persino disobbedire alla legge di gravità. Ma per essere veramente certi di qualcosa bisogna conoscerne ogni lato, anche il più oscuro.

Siccome il cammino della conoscenza umana è irto e chilometrico, nel frattempo più che disubbidire puntualmente converrebbe iniziare a dubitare liberamente.

Soltanto il dubbio potrà garantire il neo-rinascimento umano. Parola di un solipsista delirante nel più classico dei paradossi del mentitore..

Antonio Migliorino

Google+
© Riproduzione Riservata