• Google+
  • Commenta
10 gennaio 2012

Treno della memoria 2012

Giunto alla sua ottava edizione, il Treno della Memoria nasce come ricerca della nostra memoria e delle nostre origini nel periodo in cui le testimonianze dirette dei terribili accadimenti della seconda Guerra Mondiale iniziano a sparire definitivamente.

Le regioni partecipanti sono Piemonte, Valle D’Aosta, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Marche, Puglia, Calabria e Sicilia.

Il Treno della Memoria è innanzitutto un percorso educativo della durata di un anno. Esso si poggia su quattro parole chiave: storia, intesa come approfondimento del fenomeno Seconda Guerra Mondiale; memoria, intesa come personalizzazione, incontro e confronto con i pochi testimoni superstiti; testimonianza ovvero l’incontro con tutte le situazioni che nel presente vedono la perdita della dignità e dei diritti umani e infine impegno, perchè tutti, nel piccolo e nel quotidiano delle nostre vite, possiamo vigilare e contribuire al non ripetersi degli errori del passato.

Il centro del progetto è il viaggio a Cracovia che si svolge tra la fine di gennaio, in occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio), e i primi giorni di Febbraio. Il viaggio ha come scopo ultimo la visita al Campo di Concentramento e Sterminio di Auschwitz-Birkenau, la rielaborazione della visita stessa, attività nei gruppi educativi e la presentazione della fase di testimonianza legata ai temi di attualità e all’impegno.

Il Treno della Memoria si configura come un’esperienza molto forte, che coinvolge i giovani partecipanti in riflessioni profonde che si pongono l’ambizioso obiettivo di stimolare nei ragazzi una partecipazione attiva ed una conoscenza che, partendo dalle tragiche vicende storiche della seconda Guerra Mondiale, arrivi ad analizzare in maniera critica e costruttiva il presente che li circonda.

Google+
© Riproduzione Riservata