• Google+
  • Commenta
2 febbraio 2012

Asus alla ribalta: lancia il nuovo tablet col potere di un pc

Si chiama Trasformer Prime la nuova creazione prodotta da Asus, che ambisce a dominare il mondo dei tablet. Presentata in California a novembre scorso, è da oggi in tutti gli Asus Point d’Italia e dal 10 febbraio anche presso la grande distribuzione.

Può infatti vantare un processore quad core nVidia Tegra 3 (con qualità grafiche migliori tre volte tanto Tegra 2 e un consumo di energia inferiore del 61% che consente di vedere video per 12 ore consecutive); una memoria interna da 32 Gbyte (espandibile con SD); due fotocamere integrate (una frontale da 1,2 Mpx e una posteriore da 8 Mpx) con la quale oltre che a scattare (anche il flash a led è integrato) serviranno a girare video in full HD con l’aiuto della messa a fuoco automatica.

Ma è sui dettagli che l’azienda ha puntato curandoli in maniera eccezionale , ad esempio aggiungendo allo schermo da 10,1 pollici (risoluzione 1200×800 px) una tastiera docking in supporto al touch; oppure permettendo di incrementare di 8 Gbyte lo spazio sul cloud (disponibile gratuitamente attraverso il servizio Asus Webstorage); oppure integrando ai quattro core un quinto (denominato companion core) per l’esecuzione di applicazioni che non richiedono particolari risorse.

La straordinarietà racchiusa in questo oggetto già di culto, fatto di alluminio e vetro ultraresistente Gorilla Plus, è la possibilità di visualizzare video in 3D grazie al motore grafico GeForce.

Il sistema operativo prescelto è Android 4.0 Ice Cream Sandwich, che permetterà la condivisione di applicazioni fra smartphone che abbiano lo stesso sistema operativo.

Le applicazioni messe sul mercato da Asus sono molte, la più interessante è sicuramente la SuperNote, che trasforma il tablet in un blocknotes digitale, alla quale è possibile integrare video, testi, foto, disegni e annotazioni vocali.

In Italia sarà venduto a 599 euro, inclusa nel pacchetto sarà presente anche la docking station.

Irene Cassaniti

Google+
© Riproduzione Riservata