• Google+
  • Commenta
4 febbraio 2012

Il Rettore Puglisi proposto per la candidatura a Sindaco di Palermo

Il Magnifico Rettore dell’Università Kore di Enna, Giovanni Puglisi, è stato proposto per la candidatura a sindaco della città di Palermo.
Se ne parla da oltre un mese, nonostante Puglisi non abbia forzato la diffusione di queste voci che parlano di una proposta da parte dell’MPA al Terzo Polo.

Chi è realmente informato sui fatti sostiene che qualsiasi sia la perplessità del Rettore, questa svanirebbe qualora venisse realizzata una vasta convergenza delle forze politiche sulla sua persona.

Nonostante le polemiche, il Puglisi restituisce ai lettori le seguenti dichiarazioni: «Ancora non sono arrivato al punto di narcisismo di guardarmi allo specchio e riconoscermi questo merito. Nel dire che il dubbio non mi verrebbe, sarei veramente ipocrita proprio perché Palermo merita questo ed altro. E questo significa la mia accettazione di una simile esperienza che dipende comunque dagli elettori, non è automatico. Non posso dire che non mi sia stato proposto ma non siamo arrivati, fino a questo momento, ad una proposizione chiara ed univoca».

Con queste parole si esprime, quindi, in merito all’ipotesi di una sua candidatura a sindaco di Palermo; Puglisi ricopre già ben ventidue incarichi: la nomina a Rettore della quarta università siciliana – la più recente. Già Presidente della fondazione Università Iulm di Milano è Presidente della Commissione Nazionale Italiana dell’Unesco, della Consulta universitaria di Critica letteraria e Letterature comparate, componente del Consiglio Amministrativo dell’Istituto Enciclopedia Treccani, Vice Presidente della Commissione Nazionale per la Promozione della Cultura Italiana all’estero – presso il Ministero degli Affari Esteri – nonché Presidente della Fondazione Biondo di Palermo, della Società Storia Patria, del Premio Internazionale Mondello e, in ultimo della Fondazione Banco di Sicilia.

Non è semplice stabilire se sia più o meno imparziale l’elezione dell’impegnato Puglisi a una così alta, problematica e delicatissima carica istituzionale, tuttavia resta sempre un desiderio importante e pressante, quello della cittadinanza palermitana, di vedere risollevate le sorti del capoluogo siciliano, dopo i due mandati consecutivi del sindaco Cammarata.

Google+
© Riproduzione Riservata